Incidente stradale: muore l’ex Acireale e Giarre Elio Migliaccio

Incidente stradale: muore l’ex Acireale e Giarre Elio Migliaccio

di Redazione ITASportPress

Elio Migliaccio ex difensore del Campobasso nella seconda metà degli anni ’80, è morto in un tragico incidente stradale verificatosi oggi sul lungomare del Lido di Latina.

Le cause dell’incidente sono ancora al vaglio della polizia municipale di Latina. Secondo una prima ricostruzione Migliaccio era in sella a una Honda Sh che si è scontrata con una Smart. Coinvolta nell’incidente anche una Golf che era in sosta. L’impatto è stato violentissimo e per l’ex calciatore non c’è stato niente da fare nonostante i soccorsi del personale dell’Ares 118 sono arrivati tempestivamente. E’ morto all’arrivo in ospedale. Migliaccio, che il 30 ottobre prossimo avrebbe compiuto 46 anni, era molto noto a Latina dove svolgeva ormai da tempo la professione di fisioterapista e personal trainer. Ma la sua fama era legata alla sua carriera di calciatore con una significativa esperienza nel Campobasso a partire dal 1985-86 e poi nella stagione successiva, giovanissimo, nella squadra dei vari Anzivino, Accardi, Argentesi, Baldini, Bonesso, Della Pietra, Di Risio, Evangelisti, Goretti, Lupo, Maestripieri, Maragliulo, Parpiglia, Perrone, Pivotto, Pochesci, Russo, Vagheggi che militava in serie B. Giovanissimo, aveva appena venti anni, nella prima stagione non giocò mai, nella seconda collezionò 11 presenze. Poi il Campobasso retrocesse in C e Migliaccio nelle due stagioni successive fu uno dei punti di riferimento della squadra che tentò la risalita in serie B con Enzo Nunziata, Ugo Sarracino, Orazio Mitri, Onelio Tavolieri ed altri. Dopo l’esperienza molisana era finito prima al Crotone (1991), poi l’anno successivo al Giarre, sempre in serie C, prima di tornare in serie B nel 1993-94 con la maglia dell’Acireale in una stagione in cui giocò trenta partite, compagno di squadra tra gli altri di Walter Mazzarri. Nella stagione successiva, confermato all’inizio, fu poi ceduto a novembre in serie C giocando, tra le altre, con la maglia del Benevento (1995-96) e della Turris (2000-01). Quindi le ultime stagioni disputate tra C2 e serie D (anche con la maglia dell’Aprilia nel 2001) prima del ritiro per passare in panchina come allenatore della Beretti del Latina e di squadre dilettantistiche laziali. A Campobasso, nei quattro anni di permanenza, si era fatto apprezzare per la sua serietà. Era un difensore centrale di sostanza ma anche dotato tecnicamente.altromolise.it

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy