Giochi Olimpici, conclusa l’edizione di Rio de Janeiro, il testimone passa a Tokyo

Giochi Olimpici, conclusa l’edizione di Rio de Janeiro, il testimone passa a Tokyo

Il testimone passa a Tokyo, la città che ospiterà le Olimpiadi del 2020. Cala il sipario sui Giochi di Rio de Janeiro.

di Redazione ITASportPress

Il testimone passa a Tokyo, la città che ospiterà le Olimpiadi del 2020. Cala il sipario sui Giochi di Rio de Janeiro. Prima dell’ingresso delle 207 bandiere dei Paesi presenti a questa edizione, la celebrazione ha ricordato l’aviatore Alberto Santos Dumont, il primo a volare secondo i brasiliani. Poi l’ingresso nello stadio dei protagonisti delle Olimpiadi, gli atleti. A portare la bandiera italiana c’era Daniele Lupo, il beacher medaglia d’argento in coppia con Paolo Nicolai. È una sfilata festosa, tra selfie, canti e balli.

La cerimonia di chiusura è anche il tradizionale momento del passaggio di consegne tra la città che ha ospitato i Giochi e quella che li ospiterà tra quattro anni. Nel 2020 sarà il turno di Tokyo, metropoli che è già entrata nell’atmosfera olimpica organizzando una parte dello spettacolo.

L’obiettivo dichiarato, alla vigilia dell’Olimpiade di Rio, era quello di restare nella Top 10 dello sport Mondiale. E il presidente del Coni, Giovanni Malagò, aveva fissato l’asticella a quota 25 medaglie: traguardi centrati in entrambi i casi.

Nelle ultime cinque edizioni dei Giochi, da Atlanta ’96 a Londra 2012, l’Italia è sempre rimasta sopra le 25 medaglie (negli Usa vent’anni fa furono addirittura 35, 13-10-12) e quattro anni fa da Londra siamo tornati con 28 podi complessivi, di cui 8 ori. Un risultato fotocopia realizzato in Brasile, con un miglioramento nei numeri di argenti a scapito dei bronzi: 8-12-8, il bilancio finale e la difesa della nono posto nel medagliere.

IL MEDAGLIERE FINALE

Screenshot_1

 

 

 

 

 

 

 

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy