Giro d’Italia, Yates vince anche a Osimo e rafforza il primato

Giro d’Italia, Yates vince anche a Osimo e rafforza il primato

La maglia rosa scatta nel finale e si aggiudica l’11/a tappa: tiene Dumoulin, male Froome

di Redazione ITASportPress

Il Giro d’Italia ha un padrone sempre più definito. E ha già la Maglia Rosa sulle spalle. Simon Yates sa solo attaccare e allora eccolo tagliare per primo a braccia alzate anche il traguardo di Osimo, quello dell’11/a tappa della Corsa Rosa 2018. L’inglese della Mitchelton-Scott ha infiammato il finale della frazione partita da Assisi, seminando ancora i rivali pur essendo scattato solo poco prima dell’ultimo chilometro: l’unico a resistere, pur staccato di 2″, è stato Tom Dumoulin, mentre si è staccato ancora Chris Froome, che ha incassato altri 42″ di ritardo. Tiene ancora bene invede Davide Formolo, terzo al traguardo. La tappa era stata caratterizzata dalla lunga fuga di cinque corridori, De Marchi, Leon Sanchez, Masnada, Maestri e Turrin, ripresi a 5 km dalla fine.

ORDINE D’ARRIVO
1 Simon Yates (Ing) Mitchelton-Scott 3h25’53”
2 Tom Dumoulin (Ola) Team Sunweb a 2″
3 Davide Formolo (Ita) Bora-Hansgrohe a 5″
4 Alexandre Geniez (Fra) Ag2R La Mondiale a 8″
5 Domenico Pozzovivo (Ita) Bahrain-Merida s.t.
6 Patrick Konrad (Aut) Bora-Hansgrohe s.t.
7 Thibaut Pinot (Fra) Groupama-Fdj s.t.
8 Maximilian Schachmann (Ger) Quick Step-Floors a 11″
9 Rohan Dennis (Aus) BMC Racing Team a 18″
10 Fabio Aru (Ita) UAE Team Emirates a 21″

CLASSIFICA GENERALE
1 Simon Yates (Ing) Mitchelton-Scott 47h08’21”
2 Tom Dumoulin (Ola) Team Sunweb a 47″
3 Thibaut Pinot (Fra) Groupama-Fdj a 1’04”
4 Domenico Pozzovivo (Ita) Bahrain-Merida a 1’18”
5 Richard Carapaz (Ecu) Team Movistar a 1’56”
6 George Bennett (Aus) Lotto NL-Jumbo a 2’09”
7 Rohan Dennis (Aus) BMC Racing Team a 2’36”
8 Pello Bilbao (Spa) Astana a 2’54”
9 Patrick Konrad (Aut) Bora-Hansgrohe a 2’55”
10 Fabio Aru (Ita) UAE Team Emirates a 3’10”

Giro 2018, Dumoulin è l’anti-Yates

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy