Sci, strapotere Paris: anche la discesa di Kvitfjell è sua

Sci, strapotere Paris: anche la discesa di Kvitfjell è sua

Per il velocista della Val d’Ultimo è il quarto successo stagionale

di Redazione ITASportPress

Kristian Ghedina l’aveva detto e Dominik Paris gli ha dato ragione: con un altro capolavoro l’azzurro centra il trionfo numero 13 in carriera in Coppa del mondo e raggiunge il discesista ampezzano al terzo posto degli italiani più vincenti di sempre, così ora ha davanti solo l’irraggiungibile Alberto Tomba (50) e Gustav Thoeni (24). A Kvitfjell l’altoatesino ha dato una dimostrazione di forza impressionante mantenendo vive, seppur quasi solo dal punto di vista aritmetico, le speranze di portare a casa la coppa di specialità in discesa, visto che il leader Beat Feuz ha chiuso secondo e ha perso appena 20 dei 100 punti di vantaggio che aveva alla vigilia, per cui ne ha 80 da amministrare nelle finali di Soldeu.

Paris è andato in pista con il numero 7, quando Feuz aveva già completato la propria prova e sembrava imbattibile: del resto all’ultimo intermedio prima del traguardo lo svizzero aveva ancora 30 centesimi di vantaggio, ma è proprio nel tratto finale che l’azzurro ha fatto la differenza sfruttando ancora una volta al massimo la sua caratteristica principale, la capacità di andare fortissimo nei tratti scorrevoli, unita ovviamente alle linee che disegna nelle parti più tecniche. Così ha dato oltre mezzo secondo al rivale e a chi, come Matthias Mayer e Mauro Caviezel, andati in pista dopo di lui, erano anche loro davanti all’ultimo rilevamento, salvo finire dietro all’arrivo, con l’austriaco terzo a 37 centesimi e lo svizzero quarto a 62, di poco davanti a Vincent Kriechmayr. Ottavo l’oro iridato Kjetil Jansrud che ha preso oltre un secondo da Paris.

L’altro azzurro Christof Innerhofer, che nella parte tecnica ha sciato molto bene, è finito 15esimo a 1″46. Ma nell’ennesima giornata di gloria di Paris, ci sono altri azzurri a gioire: Mattia Casse, 17esimo grazie alle ottime linee nella parte centrale del tracciato, e Matteo Marsaglia, 28esimo a 2″02, strappano il pass per le finali di Soldeu. Marsaglia, infatti, tiene la 27esima posizione nella classifica di discesa, mentre Casse risale al 29° posto: alle finali gareggiano solo in 25, ma con Svindal ritirato e Franz, Buzzi e Cater infortunati, il romano e il piemontese sono di fatto già certi di partecipare. La grande festa, però, è stata per Werner Heel, che è arrivato 36esimo dietro il compagno Florian Schieder, ma al traguardo ha alzato le braccia come se avesse vinto e all’ultima gara della propria carriera è stato accolto con un fiume di champagne all’arrivo, non solo dagli atleti e dallo staff italiano, ma anche da amici di altre nazionalità.

Per Paris è il quarto successo stagionale in Coppa del mondo, il quinto considerando anche il superG dei Mondiali. Tre sono arrivati in discesa, a Bormio e a Kitzbühel prima di Kvitfjell: per portare a casa la coppa dovrà vincere ancora all’ultima gara, quella di mercoledì 13 marzo a Soldeu, e sperare che Feuz arrivi al massimo 13esimo per chiudere a pari merito, oppure dovrà arrivare secondo e augurarsi che lo svizzero non prenda punti, cioè finisca dal 16° posto in poi, visto che alle finali di Coppa del mondo si assegnano punti solo ai primi quindici.

Al di là dei calcoli, resta in ogni caso straordinaria la stagione di Paris e in questa discesa ha ancora una volta dimostrato che al momento è tra i migliori velocisti, se non il migliore, al mondo, con un pizzico di rammarico ripensando alle condizioni in cui si è gareggiato ad Are. In classifica generale i primi tre (Hirscher, Kristoffersen e Pinturault) sono lontani, ma Paris balza al quarto posto toccando quota 650 punti e scavalcando Marco Schwarz.

“Mi sento molto bene – dice Paris -. Non era facile oggi, mi sono spinto molto forte ed è andata bene. Su questa pista avevo già vinto nel 2016 e sapevo dove potevo fare bene. Quest’anno in particolare, mi diverto un sacco a sciare e lo faccio molto bene. Riesco a fare quello che voglio in pista e si vede”.
“Feuz scia molto forte e io sapevo che dovevo fare per forza tutto al meglio. Ma è già difficile stargli davanti e fare differenza con i punti ancora di più. Ma io penso che le gare sono belle anche così, ed è una vittoria che mi piace molto”.

“Non penso ancora ai record o al numero totale delle mie vittorie, mi concentro sulla sciata e mi godo gara dopo gara. I conti si faranno alla fine”.

Paris domani proverà a conquistare altri punti nel superG delle ore 11 (diretta tv Raisport ed Eurosport).
Ordine d’arrivo DH maschile Kvitfjell (Nor)
1 PARIS Dominik ITA 1:45.74 
2 FEUZ Beat SUI 1:45.99 +0.25
3 MAYER Matthias AUT 1:46.11 +0.37
4 CAVIEZEL Mauro SUI 1:46.36 +0.62
5 KRIECHMAYR Vincent AUT 1:46.38 +0.64
6 STRIEDINGER Otmar AUT 1:46.68 +0.94
7 NYMAN Steven USA 1:46.70 +0.96
8 JANSRUD Kjetil NOR 1:46.78 +1.04
9 GOLDBERG Jared USA 1:46.99 +1.25
10 CLAREY Johan FRA 1:47.04 +1.30
11 KILDE Aleksander Aamodt NOR 1:47.14 +1.40
12 BENNETT Bryce USA 1:47.16 +1.42
13 SEJERSTED Adrian Smiseth NOR 1:47.17 +1.43
14 ROULIN Gilles SUI 1:47.18 +1.44
15 INNERHOFER Christof ITA 1:47.20 +1.46 
16 FERSTL Josef GER 1:47.35 +1.61
17 CASSE Mattia ITA 1:47.37 +1.63 
18 ALLEGRE Nils FRA 1:47.39 +1.65
18 ROGER Brice FRA 1:47.39 +1.65
20 MONSEN Felix SWE 1:47.40 +1.66
21 KROELL Johannes AUT 1:47.43 +1.69
21 JANKA Carlo SUI 1:47.43 +1.69
23 REICHELT Hannes AUT 1:47.46 +1.72
24 COCHRAN-SIEGLE Ryan USA 1:47.49 +1.75
25 KRYENBUEHL Urs SUI 1:47.51 +1.77
26 DANKLMAIER Daniel AUT 1:47.52 +1.78
27 WALDER Christian AUT 1:47.70 +1.96
28 MARSAGLIA Matteo ITA 1:47.76 +2.02 
29 HINTERMANN Niels SUI 1:47.78 +2.04
30 THOMSEN Benjamin CAN 1:47.79 +2.05

35 SCHIEDER Florian ITA 1:48.31 +2.57 
36 HEEL Werner ITA 1:48.36 +2.62 
50 PRAST Alexander ITA 1:49.38 +3.64

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy