Bundesliga, l’Augsburg caccia Opare: “Ha detto troppe bugie”

Bundesliga, l’Augsburg caccia Opare: “Ha detto troppe bugie”

Singolare provvedimento del club tedesco verso il difensore ghanese

di Redazione ITASportPress

A lui si erano interessati anche Barcellona e Real Madrid, e in precedenza pure Milan e Roma. Nel calcio, però, si sa, le situazioni si evolvono rapidamente e allora per Daniel Opare adesso è il momento di essere incudine dopo essere stato a lungo martello, ovvero uno dei talenti emergenti del calcio africano.

Il difensore ghanese è stato infatti sospeso dall’Augsburg, società cui era approdato nel 2015. Motivo? Ha raccontato troppe bugie, come riportato dal duro comunicato attraverso il quale la società tedesca ha spiegato la propria scelta di mettere alla porta un giocatore sempre titolare nella prima parte di stagione.

“Daniel Opare ci ha ripetutamente mentito, anche se messo di fronte ai fatti. Inoltre ha spesso infranto regole di spogliatoio. Lui e suo fratello hanno mentito in continuazione. Mentiva a noi, ma anche nello spogliatoio e sul campo d’allenamento. Ci ha mentito troppo spesso e all’Augsburg ci sono dei valori precisi. Può cercarsi una squadra nella quale i suoi comportamenti vengano accettati ” si legge.

Ma cosa sarebbe successo nel dettaglio? Non è dato saperlo, l’Augsburg ha reso noto solo l’ultima delle bugie raccontate dal giocatore, relativa a un contatto segreto con lo Schalke 04: settimana scorsa Opare aveva chiesto un permesso per motivi personali, ma è stato smentito da una foto che ritraeva il giocatore cenare con il tecnico dello Schalke Tedesco e il ds Heidel. Peraltro, lo Schalke aveva informato l’Augsburg del contatto con il giocatore, pur non essendo formalmente obbligato a farlo proprio in virtù della futura scadenza del contratto, ma il difensore ha continuato a negare.

Opare sarà ora costretto ad allenarsi da solo fino al termine della stagione, quando andrà a scadenza di contratto, senza poter più scendere in campo.

Strana invasione di campo in Bayer-Bayern

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy