Chelsea, Conte sbotta: “Scritte cose non vere sul mio conto”

Chelsea, Conte sbotta: “Scritte cose non vere sul mio conto”

Le parole dell’allenatore del Chelsea in vista della gara contro il Crystal Palace

Commenta per primo!

L’allenatore del Chelsea, Antonio Conte, alla vigilia della gara contro il Crystal Palace, parla in conferenza stampa: “La mia famiglia è qui con me, non in Italia, e mia figlia frequenta la scuola qui. E’ importante scrivere la verità”.

“Un paio di settimane fa ho concesso un’intervista ma la traduzione è stata sbagliata. Tutto quello che ho detto è che un giorno mi piacerebbe tornare in Italia. Ma conoscete la mia posizione: ho ancora due anni di contratto col Chelsea e sono felice di lavorare con questo club e con i miei giocatori. Ogni allenatore, quando comincia a lavorare con un club, spera di rimanere a lungo e costruire qualcosa di importante sebbene, come ho sempre detto, il nostro è un lavoro difficile e strano”.

GIOCATORI – “Morata è infortunato ma spero di recuperarlo per la gara contro la Roma. Drinkwater sta migliorando ma non è ancora pronto, dobbiamo avere pazienza con lui. Kanté ha un problema al bicipite femorale, la prossima settimana farà degli esami ed è una grossa perdita per noi, ne avrà per 20-25 giorni. Non abbiamo in rosa un altro giocatore con caratteristiche simili e cercheremo soluzioni diverse con Bakayoko e Fabregas. Musonda? Abbiamo tre numeri 10 e ne giocano due. E’ un giocatore di talento e sono sicuro che avrà una carriera importante se manterrà l’attenzione sul campo e non sui social”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy