Cska, lo sfogo di Akinfeev: “In rosa non arriviamo nemmeno a 20, siamo stanchi e il mister non sa cosa inventarsi”

Cska, lo sfogo di Akinfeev: “In rosa non arriviamo nemmeno a 20, siamo stanchi e il mister non sa cosa inventarsi”

“Pare proprio che non ci sia una via d’uscita”

Commenta per primo!

Igor’ Akinfeev, storico capitano del CSKA, si è lasciato andare in uno sfogo amaro sottolineando il momento critico attraversato dagli armejcy in questa stagione. Una rosa ridotta al minimo storico e una panchina inesistente (5 giocatori, portiere incluso, nell’ultimo incontro di Champions League) hanno inciso pesantemente sui risultati della squadra. In molti hanno trovato in Slutskij il capro espiatorio e sembra proprio che il tecnico abbia deciso di dimettersi subito dopo il prossimo incontro di Champions League con il Tottenham, avendo affittato l’intera sala di un ristorante londinese per una cena di addio con la squadra.

In rosa non abbiamo nemmeno 20 giocatori che possono dare una mano senza incidere negativamente sulla qualità del gioco. In campo scendiamo sempre i soliti 11. Siamo stanchi. Non fisicamente, ma mentalmente. Una squadra con 25-30 giocatori sarà sempre al top. In Champions siamo scesi in campo non con la formazione migliore e i risultati lo dimostrano. Abbiamo incontrato i tifosi e abbiamo parlato con loro, capiscono il momento delicato che stiamo attraversando. Anche il mister è stanco, cerca di inventarsi qualcosa, ma con scarsi risultati. Pare proprio che non ci sia una via d’uscita. Ma siamo uomini, non ci resta che lavorare e avere pazienza. La fine dell’anno ormai è vicina“.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy