Juventus, valzer delle punte: decisi i sacrificati

Juventus, valzer delle punte: decisi i sacrificati

Partita la rivoluzione in attacco in casa bianconera

di Redazione ITASportPress

Un nuovo inizio. Uno stravolgimento in atto che coinvolge anche il reparto offensivo. La Juventus vuole a tutti i costi cambiare. L’addio di alcuni big è l’occasione giusta per gettare le basi per il futuro. Un futuro che, oltre ai “ministri della difesa”, non vedrà coinvolti almeno altri due o tre giocatori. Non è infatti un segreto che in casa bianconera si cerchi una punta giovane che possa affiancare Dybala e prendere il posto dei più anziani Mandzukic e Higuain. Molto del futuro attacco juventino dipenderà appunto da questi due nomi.

VIA HIGUAIN… – L’unica vera punta in casa Juventus è Gonzalo Higuain. L’argentino classe ’87 è stato il punto di riferimento delle ultime stagioni. Dopo aver lasciato Napoli, il Pipita ha vinto, tanto, con la maglia bianconera e soprattutto ha segnato e deciso molte sfide. La carta d’identità, però, inizia a dire over trenta. La necessità di rifiatare più spesso e alcune panchine indigeste potrebbero influire sulle scelte della società. Un valore, quello di Higuain, che si aggira attorno ai 50-60 milioni di euro. Cifra che, dovesse passare un’altra stagione, potrebbe ulteriormente calare. Se per Dybala, la cui valutazione è superiore ai 120 milioni, sarà difficile trovare acquirenti disposti a spendere quella cifra, per l’attaccante numero 9 il discorso è diverso. La Juventus potrebbe sacrificarlo per ripartire con forze fresche.

…E NON SOLO – Va a braccetto con la situazione di Higuain, anche Mandzukic. Il croato, il cui nome è stato spesso inserito nella lista dei possibili partenti, potrebbe presto salutare la Vecchia Signora. La serietà, l’impegno e la dedizione al lavoro non sono mai stati messi in dubbio ma la sensazione è che alla Juventus serva qualcosa di diverso. Ecco perché anche il numero 17 è candidato a dire addio a fine stagione. L’ultima battuta di Allegri su di lui, potrebbe solo essere un modo carino per salutarlo.

MORATA – Per due “anziani” che vanno, ecco però che la Juventus vorrebbe concretizzare due colpi di prospettiva. Il grande ritorno, di cui tanto si parla, è quello di Alvaro Morata. L’attaccante del Chelsea ha sempre dichiarato la propria voglia di tornare a Torino, in quella che considera a tutti gli effetti casa sua. I bianconeri stanno intraprendendo ogni strada per poter realizzare il colpo e la partenza dei due sopracitati attaccanti permetterebbe allo spagnolo di raggiungere nuovamente Vinovo. A dire la verità, come riporta oggi La Gazzetta dello Sport, esiste un’altra pista che consentirebbe ai bianconeri di arrivare a Morata senza dover sacrificare Higuain e Mandzukic. Dopo aver pagato il giovane bomber 80 milioni di euro, i Blues non vorrebbero scrivere a bilancio una minusvalenza. Infatti, le prestazioni stagionali del classe ’92 non hanno trovato riscontro nei soldi spesi per lui in estate. Per evitare la perdita, la squadra inglese si accontenterebbe di un cedere in prestito oneroso l’attaccante. In questo modo il Chelsea non avrebbe problemi a bilancio e la Juventus troverebbe un bomber da affiancare per una stagione ad Higuain e che successivamente potrebbe prenderne il posto.

DA MANCHESTER – Altro discorso riguarda la voce di mercato che vuole la Juventus interessata anche ad Anthony Martial. Il 22enne del Manchester United ha le caratteristiche giuste per giocare in bianconero. Attaccante esterno, vero e, all’occorrenza, prima punta. Un nuovo Mandzukic insomma con quasi dieci anni di meno. L’ipotesi potrebbe diventare concreta proprio se il croato dovesse dire addio in estate. Marotta e Paratici hanno intavolato anche questo discorso e preparano i colpi per la Juventus che sarà.

Il messaggio di Higuain all’ex compagno

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy