Manchester United, l’ex Rooney attacca: “I giocatori si videochiamano prima delle partite…”

Manchester United, l’ex Rooney attacca: “I giocatori si videochiamano prima delle partite…”

L’attaccante inglese parla di ‘strani’ cambiamenti rispetto al passato in casa Red Devils

di Redazione ITASportPress

Non tira una buona aria in casa Manchester United, dove i malumori dei calciatori e i risultati, non certo positivi, sul campo stanno mettendo a dura prova la pazienza dei tifosi e della società. Tra i colpevoli, oltre agli stessi calciatori, c’è senza dubbio il tecnico José Mourinho.

Ma a passare il coltello nella piaga, come se ce ne fosse bisogno, ci ha pensato anche un grande ex, una bandiera che per 13 anni ha vissuto con la maglia dei Red Deivls, Wayne Rooney, attuale attaccante dei DC United, squadra della Mls americana. La bandiera inglese ha parlato a BT Sport, e come riporta il Mirror, ha individuato nelle cause del momento negativo alcuni cambiamenti rispetto al passato, definiti da lui stesso ‘strani’.

DIFFERENZE – “Io ho sempre spento il mio telefono quando andavo nello spogliatoio prima di una gara” – ha detto Rooney – “Ora, quando entri vedi i calciatori con la testa bassa verso lo schermo usando FaceTime a videochamarsi con gli amici o addirittura tra compagni”. E quasi arrendovole poi ha aggiunto: “Ma suppongo che purtroppo questa sia la strada che tutto il calcio moderno stia prendendo”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy