Russia, giocata in Siberia la partita più fredda della storia: -19 gradi a Krasnoyarsk

Russia, giocata in Siberia la partita più fredda della storia: -19 gradi a Krasnoyarsk

I due tecnici si sono lamentati parecchio a fine partita

di Redazione ITASportPress

Lo spettacolo deve andare avanti, sempre e comunque. La legge non scritta del calcio è sempre più attuale nel football moderno, dove si gioca talmente tanto che per accordare un rinvio le condizioni devono essere davvero impraticabili. Ma in Russia oggi si è stabilito un nuovo record: la partita di calcio del massimo campionato tra Enisej e Akhmat Grozny si è giocata a meno 19 gradi. Quasi duemila spettatori a Krasnoyarsk nello stadio della matricola siberiana. I giocatori hanno rischiato la polmonite e di questo si è lamentato il tecnico della squadra cecena Rashid Rakhimov che in conferenza stampa dopo la partita del 16° turno della Prem’er Liga finita 1-1 ha detto: “Ci hanno detto che la temperatura in campo era -14,9 gradi per poter giocare mentre in città il termometro segnava i -19. Non capisco questo giochino, e chi è stato a riscaldare il termometro per impedirci per regolamento di non entrare in campo. I giocatori hanno rischiato la polmonite ma tanto questo non interessa a nessuno.  Onestamente, indipendentemente dal risultato, qualunque esso sia, rimango dell’opinione che sia impossibile giocare in tali condizioni meteorologiche”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy