Touré, l’agente: “Guardiola pensa di essere Dio. Yaya trattato come un cane”

Touré, l’agente: “Guardiola pensa di essere Dio. Yaya trattato come un cane”

Durissime dichiarazioni del procuratore del centrocampista del Manchester City nei confronti del tecnico spagnolo

di Redazione ITASportPress

Continua ad infuocarsi la polemica tra Pep Guardiola e Dimitri Seluk, agente di Yaya Touré. Il procuratore del centrocampista ivoriano ha attaccato nuovamente il tecnico del Manchester City ai microfoni della ‘BBC‘, ecco quanto dichiarato: “Guardiola pensa solo a se stesso, non si cura di nient’altro. Pensa di essere Dio. La verità è che non gli piacciono i giocatori di personalità, li tratta come cani. E’ accaduto anche con Hart e Kompany. Ha vinto tanto col Barcellona, ma anche Yaya lì aveva vinto gli stessi trofei. Non è che se uno alza molte coppe poi può pensare di fare come gli pare”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy