Vissel Kobe, Iniesta confessa: “In Spagna mi ero svuotato di tutto, corpo e anima. Le differenze con l’Europa…”

Vissel Kobe, Iniesta confessa: “In Spagna mi ero svuotato di tutto, corpo e anima. Le differenze con l’Europa…”

“I giapponesi vivono la sconfitta in un modo molto diverso da come facciamo in Europa”

di Redazione ITASportPress

Le lacrime dopo aver lasciato il Barcellona, e tante difficoltà appena sbarcato in Giappone. Per Andres Iniesta, centrocampista spagnolo, il trasferimento dalla Spagna all’Asia non è stato così facile come poteva sembrare.

In un’intervista concessa a Equire, l’Illusionista ha parlato della sua avventura il Giappone al Vissel Kobe e dei tanti problemi di adattamento vissuti nei primi mesi della sua nuova esperienza asiatica.

DIFFICOLTA’ – “Confesso che nei sei mesi in cui ho vissuto e giocato a calcio in Giappone, al Vissel Kobe, l’adattamento non è stato facile né per quanto riguarda lo sport nel dettaglio, né per la famiglia. Le usanze dei giapponesi sono radicalmente diverse dalle nostre, ma ora, finalmente, mia moglie e i miei figli si sono adattati”. Inizia a spiegare Iniesta che poi precisa: “Sono arrivato con la mia famiglia qui  dopo la Coppa del Mondo in Russia, senza il giusto tempo e  spazio per organizzarmi. In questi mesi abbiamo assimilato le differenze tra le due culture. I giapponesi sono molto più tranquilli di noi, e questo, logicamente, si riflette anche negli stadi e sul campo”. “In più di un’occasione mi hanno chiesto come comunicare con i miei colleghi e con il resto dello staff tecnico per superare la mia barriera linguistica. Per le domande più semplici, come saluti o addii, ho iniziato a cantare in giapponese. Anna e io riceviamo lezioni un paio di giorni a settimana. Ma quando si tratta di conversazioni più profonde, lavoro sempre con un traduttore, che è il mio vero salvatore, un ragazzo che mi accompagna sempre. È la mia assicurazione sulla vita. Inoltre, sono stato sorpreso dallo sforzo di alcuni giocatori di provare ad imparare un po ‘di spagnolo per comunicare con me”.

DIFFERENZE – “Fin dall’inizio, i fan vivono le partite per quello che sono veramente. Incoraggiano e protestano, ma non si arrabbiano o si arrabbiano nel modo giusto. In Giappone, alla fine di ogni incontro, è normale che i giocatori si dirigano verso il pubblico a salutare, indipendentemente dal risultato. Poco dopo l’arrivo al club abbiamo avuto una brutta situazione. Abbiamo perso sei o sette partite di fila. Sono rimasto sorpreso dal fatto che, nonostante questi scarsi risultati, i fan la prendevano “così bene”. I giapponesi vivono la sconfitta in un modo molto diverso da come facciamo in Europa. ‘Ok, abbiamo perso. E quindi?’ Questa filosofia è ciò che mi è costato di più assimilare e comprendere fino ad oggi. Sono sempre stato molto competitivo, non mi è mai piaciuto perdere, è difficile per me accettare la sconfitta. Ora provo a imparare da loro e a vederla con occhi diversi. Sono competitivi ma traggono altre conclusioni dalle sconfitte.  Il tempo trascorso a Vissel Kobe è infinitamente più calmo del mio tempo al Barça. Lo scenario ti fa cambiare. Il mio atteggiamento, di conseguenza, anche. In Spagna, mi ero svuotato di tutto, corpo e anima. Non avevo più niente. Giocare a calcio nel nostro paese è molto impegnativo a tutti i livelli, non solo per lo sport. La pressione di essere in un club come il Barça era altissima. Quando ho preso la decisione di andare al Vissel Kobe, mi sono liberato da quella tensione. In Spagna si trattava di non sbagliare mai. In Giappone, invece, la pressione è molto diversa: posso fallire, ma so che mi piacerà e divertirò lo stesso”.

 

 

 

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Il Gobbo di Notre Dame - 2 mesi fa

    Lo sapevamo. Adesso dicci quale bomba propinano ai giocatori spagnoli.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy