Atalanta, l’ex Bianchi: “Col Borussia Dortmund si può fare. Io senza squadra? Qualcuno rema contro”

Atalanta, l’ex Bianchi: “Col Borussia Dortmund si può fare. Io senza squadra? Qualcuno rema contro”

“Gasperini ha dato una svolta importante all’Atalanta, in due anni ha creato giocatori e l’ambiente giusto”

Commenta per primo!

Questa sera alle 19:00, l’Atalanta sarà di scena a Dortmund per affrontare il Borussia nell’andata dei sedicesimi di finale di Europa League. Rolando Bianchi, ex attaccante della Dea, ha rilasciato un’intervista ai microfoni di Tuttomercatoweb.com; ecco quanto dichiarato: “L’Atalanta sta facendo un grande lavoro, davvero. Complimenti a tutti, dall’allenatore a tutta la struttura societaria. E i bergamaschi sono tosti. La mentalità ce l’hai da piccolo. Ogni giorno vivi una battaglia, c’è uno spirito che unisce la squadra e fa crescere il tuo livello. Ho vissuto il settore giovanile dell’Atalanta: magari vedi gli altri più bravi e vuoi fare ancora meglio”.

BORUSSIA DORTMUND – “Il pallone è tondo…mai dire mai. Magari il Borussia prende la partita sottogamba. Non metto mai la mano sul fuoco per niente. Il Borussia Dortmund ha grandi qualità, ma l’Atalanta è lì con merito e non è da meno”.

GASPERINI – “È un allenatore molto preparato. Guardo poche partite, quelle che vedo sono di Atalanta, Napoli e Lazio. Gasperini non deve dimostrare nulla. All’Inter l’ambiente era particolare, non è facile entrare nella testa dei giocatori di un certo calibro. Comunque è un tecnico da grande squadra. Ha dato una svolta importante all’Atalanta, in due anni ha creato giocatori e l’ambiente giusto”.

ALLA RICERCA DI UNA SQUADRA – “Per me è pura follia che io sia a casa. Il calcio moderno però è particolare. So che c’è qualcuno che rema un po’ contro. A chi mi riferisco? Non faccio nomi. Però so che professionista sono, devo dire grazie a poche persone. Continuerò ad essere determinato come sempre. L’anno scorso c’era stato un pour parler con il Palermo, poi sono andato alla Pro Vercelli dove sono stato determinante. Ora aspetto, il calcio è particolare. Non mi fascio la testa”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy