Balotelli sovrappeso, scoppia la polemica social

Balotelli sovrappeso, scoppia la polemica social

Super Mario è rimasto in tribuna a Lisbona, ma ha reagito a una caricatura apparsa su Instagram

di Redazione ITASportPress

Da titolare fisso, anzi recuperato alla causa azzurra dopo le amichevoli di giugno, a escluso e capro espiatorio dopo la deludente partita contro la Polonia. Il rapporto tra Mario Balotelli e la Nazionale italiana resta complicato, così sono bastati i 90′, neppure interi, contro Lewandowski e compagni per scatenare il partito di chi non vuole vedere Super Mario in azzurro.

Attaccato anche per una forma non proprio smagliante, l’attaccante del Nizza è stato relegato in tribuna da Mancini nella gara di Lisbona contro il Portogallo, la seconda del gruppo 3 della Serie A di Nations League per l’Italia.

Le telecamere hanno a lungo indugiato su Balotelli, seduto sulle tribune del Da Luz insieme agli altri esclusi, Biraghi, Pellegrini e Zappacosta, ma la polemica sui social riguarda unicamente il centravanti, che poche ore prima della partita è sbottato rispondendo a un post ironico, con tanto di caricatura, sui chili di troppo:

La risposta piccata di Balotelli non è piaciuta al popolo dei social, al punto che durante la partita si è parlato più della forma di Mario, che della sconfitta dell’Italia

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Thor - 2 mesi fa

    Questa è L Italia , siamo solo capaci di criticare , d’altronde sappiamo fare solo questo…capisco che un giocatore non può piacerci ( Balotelli nel caso specifico) ma siate imparziali e giusti..
    Cosa hanno fatto gli altri nostri attaccanti?
    Immobile, Insigne, Belotti? Vi ricordò che sono loro i colpevoli della disfatta alle qualificazioni!!!Se avrei lo spirito cattivo , direi che siamo dei razzisti, ma oso non pensarlo.Siate più giusti e date tempo a Mario, non farà peggio degli altri..Mancio L ha detto, troppi stranieri nelle nostre squadre di club, e’ li il problema. Ciao

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy