Betis, Joaquin irride il Siviglia dopo il trionfo nel derby

Betis, Joaquin irride il Siviglia dopo il trionfo nel derby

L’ex fiorentino, bandiera dei biancoverdi, si improvvisa torero al “Pizjuan” dopo il 5-3 alla squadra di Montella

Non ha segnato, ma da capitano e bandiera Joaquin ha guidato il Betis a una vittoria storica nel derby sul campo del Siviglia. La prima in campionato di Vincenzo Montella, ex allenatore di Joaquin in viola, al “Sanchez Pizjuan” è stata un incubo: sempre in svantaggio, i padroni di casa sono riusciti a rimontare per due volte, salvo poi cedere nella seconda parte della ripresa e crollare sconfitti 5-3. Tra i biancoverdi sono andati a segno anche l’ex di Parma e Siena Zouhair Feddal e l’ex fiorentino Cristian Tello.

L’altro ex fiorentino, Joaquin, 37 anni a luglio, ha rilasciato dichiarazioni intrise di gioia e incredulità al termine di una partita storica, perché mai il Betis aveva segnato cinque reti in casa degli eterni rivali: “Oggi è una giornata storica, abbiamo fatto il nostro calcio. Siamo forti, il terzo gol è stato uno spettacolo, come pure il quarto e il quinto. Questa vittoria ci dà tanta felicità e autostima. I nostri tifosi devono essere orgogliosi perché siamo stati nettamente superiori al Siviglia, che è una grande squadra”.

L’entusiasmo di Joaquin non è contenibile al punto che, dopo altre dichiarazioni di giubilo, l’esterno si è dedicato a un’irridente corrida insieme a un compagno sul prato del “Pizjuan”, con una bandiera del Betis al posto del classico drappo rosso…: “Abbiamo tanti giorni per celebrare questo successo. Domani è vietato riposarsi, chi va a casa prima delle cinque verrà multato…”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy