D’Agostino: “Zeman inventò il calcio iperoffensivo, a 16 anni mi faceva correre come i matti”

D’Agostino: “Zeman inventò il calcio iperoffensivo, a 16 anni mi faceva correre come i matti”

Il vista di Pescara-Roma, posticipo della 33^ giornata del campionato di Serie A, l’ex centrocampista, doppio ex della sfida, ha parlato a Il Centro

Il vista di Pescara-Roma, posticipo della 33^ giornata del campionato di Serie A, l’ex centrocampista Gaetano D’Agostino, doppio ex della sfida, ha parlato a Il Centro; ecco un estratto della sua intervista: “Il campo ha confermato che il Pescara e la Serie A sono incompatibili. Dopo aver raggiunto la promozione si era creato un grande entusiasmo e la società ha deciso di puntare sui protagonisti del salto di categoria. Ma tra la Serie A e la Serie B le differenze sono enormi e se in rosa non ci sono calciatori che conoscono la massima serie il rischio di fare brutte figure è sempre dietro l’angolo. A questo aspetto bisogna aggiungere che la squadra non ha la struttura fisica adatta per la Serie A. Inoltre, al Pescara sarebbe servito un attaccante affidabile per rimpiazzare Lapadula. A proposito, lui era il valore aggiunto, ma al Milan gioca poco. Questo avvalora ancora di più la tesi secondo la quale tra la A e la B c’è un abisso. Cambio di allenatore? Si sa che nel calcio l’allenatore è il primo a pagare. A me il calcio di Oddo piace molto e anche nel torneo in corso ha dimostrato di avere buone idee. Ora c’è Zeman e mi sembra la scelta giusta per ripartire con grandi ambizioni. Il boemo è un grande allenatore. In giro si parla di Guardiola, di Pochettino e altri tecnici di alto livello, ma la verità è che l’inventore del calcio iperoffensivo è Zeman. Ho un ottimo ricordo del boemo. Quando ero alla Roma mi portò in ritiro con la prima squadra, avevo 16 anni. È stata una grande palestra lavorare con lui da giovane, anche se ricordo ancora le fatiche della preparazione. Correvamo come i matti, però poi si vedevano i risultati. Adesso il Pescara affronta la Roma, sulla carta c’è troppa differenza di valori, ma sono convinto che il Delfino onorerà il campionato fino alla fine. Non sarebbe corretto mollare e in ogni caso non sarei sorpreso nel vedere i biancazzurri dare filo da torcere ai giallorossi”.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per seguirci su Twitter

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy