Empoli, Corsi: “Festa per la A sobria, non siamo come Napoli”

Empoli, Corsi: “Festa per la A sobria, non siamo come Napoli”

“Confermeremo la gran parte di questo gruppo e poi cercheremo di puntellare la rosa con tre o quattro acquisti”

di Redazione ITASportPress

Fabrizio Corsi è intervenuto a “Radio Anch’io Sport”, programma in onda sulle frequenze di Radio 1; ecco quanto dichiarato dal presidente dell’Empoli che, dopo una sola stagione in cadetteria, torna in Serie A:

PROMOZIONE – “Sono un po’ frastornato. Emozioni e festeggiamenti, noi a Empoli siamo sobri, ma ci stanno. Il nostro segreto è l’ambiente: non ci sono eccessi se si perde o e se si vince, su questo siamo l’opposto di Napoli se penso a quanto accaduto dopo la vittoria di Torino contro la Juventus all’aeroporto di Capodichino. Abbiamo vinto il campionato di Serie B, per noi è come uno Scudetto”.

SERIE A – “E’ un bellissimo campionato, soprattutto in chiave salvezza dove c’è grande lotta: vedo un torneo migliorato rispetto al passato”.

FUTURO – “Confermeremo la gran parte di questo gruppo e poi cercheremo di puntellare la rosa con tre o quattro acquisti. C’è anche l’idea di aggiungere qualche giovane”.

ANDREAZZOLI – “Si va avanti con lui anche in Serie A, c’è un contratto. E’ arrivato a stagione in corso, cercavamo un allenatore che potesse migliorare la nostra situazione: ci ho parlato per un’ora e ho capito che aveva le idee e la conoscenza giusta della squadra. E’ un uomo di grandi valori, qui può lavorare con serenità e quindi mi auguro che continui con noi”.

GABRIEL – “Per lui è arrivato il momento di fare con continuità la Serie A. E’ stato uno dei nostri punti di forza”.

STADIO – “Presentiamo tutto entro maggio, faremo una procedura tipo Udine: si lavorerà settore dopo settore, sarà un gioiellino”.

FIGC – “Ci meritiamo il commissariamento perché ognuno cerca di difendere il proprio orticello”.

NAPOLI – “La vittoria della Juventus, in quel modo, sul campo dell’Inter ha inciso sul Napoli. Sono mancate le energie per reagire contro la Fiorentina, evidentemente sono venuti fuori dei limiti mentali”.

SAPONARA – “Al Milan non era pronto mentalmente. Ha un talento straordinario, adesso ha fatto anche il leader della Fiorentina: spero che adesso abbia trovato la maturità”.

Inter, 30/04/2006: dodici anni fa il clamoroso autogol di Materazzi a Empoli

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. 7512_323 - 3 settimane fa

    ha assolutamente ragione!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy