Ferraris, via alla rizollatura. Bando per la cessione a marzo?

Ferraris, via alla rizollatura. Bando per la cessione a marzo?

Sampdoria e Genoa pagheranno 150.000 euro per sistemare l’erba dello stadio di Marassi, poi via all’iter con il Comune

Il paziente “Ferraris” è malato e allora prima di deciderne il futuro, leggi acquisizione, bisogna pensare al presente, leggi riportare il campo in condizioni accettabili, dopo il recente duro sfogo di Giampaolo. Dopo le voci che si erano sparse nelle scorse settimane riguardanti l’accordo tra il Comune e la Sampdoria per l’acquisizione dello storico stadio di Marassi, l’attualità ha ridimensionato la situazione. Il club blucerchiato e il Genoa si faranno carico della rizollatura immediata, poi si continuerà a trattare e si penserà a riqualificare l’impianto.

Come riporta Il Secolo XIX, l’incontro svoltosi mercoledì tra i rappresentanti del Comune e delle due società (l’ad Zarbano per il Genoa, Ferrero e il braccio destro Romei per la Samp) ha portato a un primo accordo: la rizollatura sarà condivisa dai due club, che entro la ripresa del campionato (Samp-Fiorentina del 21 gennaio) spenderanno 150.000 euro per risistemare l’erba. Quanto alla cessione dello stadio da parte del Comune, le due società hanno presentato la perizia, che ha fissato il valore tra i 6 e i 7 milioni, e il piano di restyling con opere per 35 milioni.

Ora la palla passa al Comune che, ricevuta una lettera d’intenti dalla Luigi Ferraris srl, dovrà stimare la propria perizia: si vedrà se la stima coinciderà, quindi si aspetteranno i 7 milioni promessi dal Coni per la riqualifica degli impianti. Il bando per la cessione può arrivare a marzo. Sullo sfondo la possibile concessione dell’impianto per 99 anni, come successo per lo stadio dell’Udinese. “Nessuna preclusione, ma la condizione indispensabile è che il ‘Ferraris’ resti uno stadio” ha detto il Consigliere comunale Marco Baroni.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy