Genoa, Juric: “Non mi aspettavo di tornare, ma non ho rivincite da prendermi”

Genoa, Juric: “Non mi aspettavo di tornare, ma non ho rivincite da prendermi”

Il tecnico croato è di nuovo sulla panchina rossoblù a poco meno di un anno di distanza dall’esonero subito dopo la sconfitta nel derby

di Redazione ITASportPress

Quasi un anno dopo, Ivan Juric riattacca i fili della propria carriera al destino del Genoa, squadra per la quale ha giocato, allenato la Primavera e la prima squadra, anche se con tempistiche piuttosto travagliate.

Due esoneri e altrettanti subentri dal giugno 2016, ma alla corte del presidente Preziosi è la normalità.

Nella conferenza stampa di presentazione presso il centro tecnico “Gianluca Signorini” il tecnico croato ha espresso sorpresa e felicità per un ritorno inatteso, quasi un anno dopo l’esonero subito dopo la sconfitta nel derby, culmine di un inizio di stagione disastroso: “Sono contento di tornare a fare il lavoro che mi piace in una squadra dove ho fatto tanto, sinceramente non mi aspettavo di tornare, è successo tutto in fretta. Se sono cambiato caratterialmente? È normale che l’esperienza faccia maturare, ma non vedo stravolgimenti del mio carattere, né ho voglia di rivincita, quando sono stato esonerato è stato perché non ho fatto bene”.

Dopo la sosta ci saranno da affrontare in serie Juventus, Milan, Inter e Napoli, oltre all’Udinese. Ma l’ex centrocampista rossoblù non si spaventa: “So che il calendario è difficile, affronteremo le migliori squadre, ma è una bella sfida. Come giocheremo? La squadra è costruita per giocare con due attaccanti, si andrà avanti così, ma non avremo un modulo fisso”.

Inevitabile chiedere qualcosa sul fenomeno del momento, Piatek, sempre a segno in campionato. Juric freme per conoscere il polacco e anche Sandro: “Ha fatto bei gol segnando in vari modi, si muove bene in area. Spero che continui così. Sandro è un giocatore che mi incuriosisce tanto, quello che ho notato in queste partite è che ci sono margini di miglioramento importante”

Nessuna anticipazione invece sul ballottaggio in porta tra Marchetti e Radu: “Voglio vederli in allenamento, poi prenderò una decisione. Sono due portieri diversi per via dell’età, valuteremo”.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. user-12852382 - 2 mesi fa

    noi non ti vogliamo

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy