Guaio Tottenham, la leva chiama Heung-Min Son

Guaio Tottenham, la leva chiama Heung-Min Son

L’attaccante degli Spurs dovrà prestare servizio militare entro i 28 anni: a meno di non eccellere con la propria Nazionale…

di Redazione ITASportPress

Quale futuro per Heung-Min Son, per tutti i tifosi del Tottenham semplicemente “Sonny”? Nell’Esercito o Marine? No, il talentuoso esterno offensivo sudcoreano non ha abbandonato il calcio per darsi alle armi, semplicemente rischia di “incappare” nella legge del proprio paese, che obbliga tutti i ragazzi sotto ai 28 anni di prestare servizio militare.

Carta d’identità alla mano, come riporta il Sun, entro l’8 luglio 2020 Son dovrà adempiere questo obbligo, peraltro piuttosto impegnativo in Corea del Sud a livello temporale: 21 mesi per l’Esercito e per i Marine, 24 per l’Aeronautica. Tutto questo significherebbe per il Tottenham perdere il giocatore per ben due stagioni intere, con tutte le conseguenze del caso a livello tecnico, ma pure economico, perché il contratto di Son scadrà proprio nel giugno 2020 e quindi bisognerà capire in fretta cosa fare.

L’unica possibilità per evitare tutto ciò è entrare nella ristretta cerchia degli esonerati dal militare per meriti sportivi. Tale risultato va conseguito ovviamente solo con la propria Nazionale e non con il club. Come fare? Andare il più avanti possibile al prossimo Mondiale (nella fase a gironi la Corea incontrerà Germania, Svezia e Messico) o vincere la medaglia d’oro degli Asian Games, le Olimpiadi asiatiche in programma tra il 18 agosto e il 2 settembre prossimi, o all’Asian Cup, tra gennaio e febbraio 2019.

Soluzioni più vantaggiose per gli Spurs, che perderebbero la propria stella solo per una breve fetta di stagione.

Tottenham-Juventus, è polemica per l’arbitraggio

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy