Il Lipsia abolisce le multe: per chi sgarra c’è la ‘Ruota della sfortuna’

Il Lipsia abolisce le multe: per chi sgarra c’è la ‘Ruota della sfortuna’

Sempre più club tedeschi stanno cambiando strategia per punire i giocatori indisciplinati

di Redazione ITASportPress

È l’ultima moda del calcio tedesco. Quanto funzionale ancora non si sa, così come solo il tempo potrà dire se il progressivo abbandono delle multe per i giocatori che infrangono il regolamento del club presentandosi tardi agli allenamenti o comunque macchiandosi di colpe più o meno gravi sarà servito.

La realtà comunque è che sempre più club di Bundesliga stanno passando dalle punizioni monetarie a quelle pratiche, facendo cioè svolgere ai propri tesserati lavori “utili”, ma magari poco ricreativi, che facciano riflettere i diretti interessati e indurli ad assumere atteggiamenti migliori.

“Le multe non sono mai costruttive, non portano a nulla. Ai giocatori fa più male se li colpisci sul loro tempo libero, spingendoli alla riflessione” il parere di Ralf Ragnick, allenatore del Lipsia, uno dei club che sta andando in quella direzione.

Così, se è noto come in casa del Wolfsburg i “ribelli” finiscano a lavare i piatti, e se allo Schalke 04 chi non sta alle regole viene mandato nelle case di cura per far compagnia agli anziani malati, lo stesso Lipsia si è superato, inventando la “Ruota della Sfortuna“.

L’idea, riportata dalla Bild, è dello stesso Ragnick. Metà rossa e metà nera, ogni spicchio riporta una punizione per chi va contro le regole del club, di gravità ovviamente variabile: si va dal pulire i palloni di allenamento ad andare a comprare dei regali per tutto lo staff del Lipsia, ma si rischia anche di dover indossare un tutù rosa durante l’intero allenamento.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy