Inter, la promozione del Frosinone regala una plusvalenza

Inter, la promozione del Frosinone regala una plusvalenza

I nerazzurri incassano un utile milione per la cessione a titolo definitivo del portiere Bardi

di Redazione ITASportPress

Il campionato di Serie B è finito con il botto. È proprio il caso di dirlo. La finale di ritorno dei playoff ha incoronato il Frosinone, tornato in A dopo due stagioni tra i cadetti al termine di 90′ infuocati contro il Palermo. Tra decisioni arbitrali revocate, invasioni di campo e gesti anti-sportivi è successo proprio di tutto, comprese dichiarazioni al veleno nel post-gara, al punto che i siciliani hanno già annunciato che presenteranno ricorso per provare a sovvertire clamorosamente il risultato del campo.

Intanto, però, c’è chi ha esultato per l’esito della gara dello “Stirpe”. Come la dirigenza dell’Inter, che sabato sera ha visto materializzarsi un milioncino per la cessione di Francesco Bardi. Il portiere prodotto del vivaio nerazzurro milita nel Frosinone dal gennaio 2016, quando i giallazzurri erano in Serie A, prima con la formula del prestito con diritto di riscatto e controriscatto per l’Inter, poi con l’obbligo di riscatto per il Frosinone fissato a 1 milione in caso di promozione in A dei giallazzurri. Ipotesi appunto verificatasi, nonostante Bardi abbia perso il posto nella seconda fase della stagione a vantaggio di Mauro Vigorito. Poco importa ed ecco l’incasso per l’Inter, che tra l’altro diventa plusvalenza pura trattandosi proprio di un prodotto del vivaio di casa. Si tratterà anche di una goccia nell’oceano dei 40 milioni di plusvalenza che l’Inter deve fare entro la fine di giugno per rispettare i paletti del Fair Play Finanziario, ma può sempre fare comodo…

Inter, tutti i numeri di Malcom

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy