Italia, Mancini: “Buon sorteggio ma le partite vanno giocate. Balotelli? La speranza è l’ultima a morire…”

Italia, Mancini: “Buon sorteggio ma le partite vanno giocate. Balotelli? La speranza è l’ultima a morire…”

“De Rossi e Buffon in azzurro ancora una volta? Le possibilità ci sono sempre, ma noi abbiamo preso una strada ben precisa”

di Redazione ITASportPress

Intervenuto a Radio Anch’Io Sport, in onda sulle frequenze di Radio 1, il ct dell’Italia Roberto Mancini ha commentato i temi caldi del calcio nostrano oltre che, ovviamente, i sorteggi per le qualificazioni ad Euro 2020. Tra i tanti argomenti, anche i calciatori che compongono ora la Nazionale o che ne faranno parte, con particolare riferimento ai giovanissimi e anche a Mario Balotelli.

SORTEGGIO – “Le partite vanno giocate, poi potremo parlare. Ci saranno partite difficili come Atene. Il sorteggio certamente è buono ma dobbiamo giocare le partite. Se il 4-3-3 sarà il nostro modulo? Sicuramente è un modulo dispendioso, ma anche se c’è stato un calo con Portogallo e Polonia direi che abbiamo fatto bene e possiamo continuare così”. “Rivedrò i giocatori a Marzo? Sì, il mio lavoro sarà quello di monitare i ragazzi e sperare che non ci siano infortuni. Noi li seguiremo ogni settimana”. Cutrone? Noi l’abbiamo chiamato. Ma dobbiamo pensare che c’è anche l’U21 che a giugno sarà impegnata. Però come lui ci saranno altri giocatori che verranno chiamati”.

UOMINI – “Zaniolo? Sono felice che giochi e che abbiamo giocato ieri in Roma-Inter. Ha tutte le qualità che servono per fare bene: bravo di testa, tiro e fisico. Poi è mancino. Mi fa piacere che Di Francesco lo faccia giocare. Balotelli? Mi spiace che disperda il suo talento così. Penso possa essere un giocatore che possa divertire la gente e soprattutto fare gol. La speranza è sempre l’ultima a morire. Spero che scatti qualcosa nella sua testa. Nonostante tutto ci spero. Deve cogliere le occasioni che ha”.

ROMA-INTER – “Var? Io ero contrario, ma adesso posso dire che aiuta gli arbitri e quindi bisogna usarlo quasi sempre. Nell’episodio del rigore su Zaniolo l’arbitro aveva difficoltà a vedere e andava usato”.

NAZIONALE – “Dove manchiamo? Ci sono tanti giocatori forti. Noi siamo molti giovani. Rispetto al passato non ci sono tanti talenti, fuoriclasse. Non solo da noi, in tutte le Nazionali. Il nostro problema è fare gol, ma è un problema che si risolverà. Creiamo tanto e prima o poi finalizzeremo”. “Immobile? Ieri ha segnato. Contro il Portogallo ha giocato bene ma non ha fatto gol. Dobbiamo solo aspettare che ciò che fa nella Lazio lo faccia anche per l’Italia”. “Tonali e Grifo? Il primo è giovanissimo, grandi qualità. Gli serve esperienza e sono sicuro che sarà importante per la Nazionale del futuro. Il secondo è molto tecnico, con un gran tiro. Sarà utile”. “De Rossi e Buffon in azzurro ancora una volta? Le possibilità ci sono sempre, ma noi abbiamo preso una strada ben precisa. Al momento è difficile, ma tutto è possibile”.

VIALLI – “Per me è un fratello. Non abbiamo mai parlato della sua malattia. Rispetto molto Luca. Grande ammirazione e gli voglio bene”

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy