Juventus, la Lega Dilettanti replica a Marotta: “Parole inaccettabili, grave mancanza di rispetto”

Juventus, la Lega Dilettanti replica a Marotta: “Parole inaccettabili, grave mancanza di rispetto”

Infuria la polemica per la contemporaneità tra l’ultima gara di campionato della squadra di Allegri e lo spareggio per lo scudetto femminile tra le ragazze bianconere e il Brescia

di Redazione ITASportPress

La Juventus è Campione d’Italia per la settima volta consecutiva, eppure in Corso Ferraris hanno un diavolo per capello. A rovinare una settimana importante, che vivrà sulla conferenza stampa nella quale Gigi Buffon annuncerà il proprio futuro e poi sulla festa per la consegna della Coppa dello Scudetto sabato pomeriggio dopo la partita contro il Verona, cui seguirà la parata per le vie di Torino a bordo del pullman scoperto, ecco la decisione della Lega Nazionale Dilettanti di fissare proprio alle ore 15 di sabato 19 maggio, in contemporanea con l’ultima gara della stagione della squadra di Allegri, lo spareggio per l’assegnazione dello scudetto femminile tra il Brescia e la Juventus Women, squadre dominatrici della stagione.

Il dg dei bianconeri Beppe Marotta aveva reagito stizzito alla sovrapposizione degli eventi, catalogando come “dilettanti” chi aveva preso questa decisione, che costringerà la dirigenza del club a dividersi tra l’Allianz Stadium e il “Picco” di La Spezia, dove si giocherà lo spareggio.

I vertici della Lega Nazionale Dilettanti, cui fa capo il Dipartimento Calcio Femminile, non l’hanno però presa bene, replicando a propria volta a Marotta attraverso un comunicato molto duro, firmato dal presidente Cosimo Sibilla e dal vice presidente Sandro Morgana, delegato al Dipartimento Calcio Femminile, nel quale si definiscono le dichiarazioni di Marotta “gravi e inaccettabili, tanto più in quanto rese nella sua qualità di dirigente sportivo“.

“L’eventuale gara di spareggio era stata da tempo ipotizzata per il 19 maggio (ore 15) e conseguentemente calendarizzata, tenendo conto delle esigenze organizzative delle società interessate e della programmazione al 20 maggio (ore 18) della partita maschile Juventus-Verona, successivamente anticipata a sabato 19 (ore 15) – prosegue il comunicato, che aggiunge come la Juventus abbia “richiesto ufficialmente al Dipartimento Calcio femminile lo spostamento alle ore 20.30 della partita con il Brescia solo in data 15 maggio alle ore 19.33. Richiesta che il Dipartimento Calcio femminile ha riscontrato in pari data, alle ore 20.31″.

“Spiace – la conclusione – Prendere atto di dichiarazioni che, oltre a sembrare strumentali alla questione relativa al passaggio alla Figc dei Campionati femminili di Serie A e B, sono palesemente offensive e rappresentano una grave mancanza di rispetto nei confronti della Lega e dell’intera struttura e sulle quali la Lnd e il Dipartimento Calcio Femminile si riservano di intraprendere ogni più opportuna azione a tutela della propria dignità”.

Agnese Bonfantini, l’Italia femminile ha il proprio Ibrahimovic

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy