Mertens: “Cina? Mia moglie non vuole. Niente figli per evitare infortuni”

Mertens: “Cina? Mia moglie non vuole. Niente figli per evitare infortuni”

L’attaccante belga del Napoli: “Sarri è il più grande fumatore al mondo. Russia 2018? Faremo di tutto per vincere il Mondiale”

di Redazione ITASportPress

Il rapporto con i tifosi, il rumors legati alla Cina e il Mondiale alle porte.

Questi alcuni degli argomenti trattati da Dries Mertens durante un documentario di EEN; ecco quanto dichiarato dall’attaccante del Napoli e della Nazionale belga:

ITALIANO – “Dopo sei mesi ero obbligato a fare le interviste in italiano. All’inizio ho preso delle lezioni, ma erano davvero stancanti: le terminai subito ed iniziai a sentire parlare i miei compagni in spogliatoio”.

TIFOSI – “Non mi rifiuto quasi mai di scattare un selfie con i tifosi, trovo che si un onore il fatto che le persone vogliano una fotografia con me anche se ammetto che qualche volta è stancante. Napoli ha un milione di abitanti e penso che io sia finito in una foto con ognuno di loro. Solo che hanno già iniziato il secondo turno di foto! La cosa più folle che mi è mai capitata con i tifosi risale alla vittoria contro la Juventus per 0-1: il nostro pullman non è riuscito a passare in mezzo a loro per un sacco di tempo, i tifosi erano in delirio”.

CINA – “Non giocherà mai in Cina perché mia moglie Kat non vuole andare fino a lì. Ho avuto la chance per farlo, anche perché hai la possibilità di guadagnare in due anni tanto quanto guadagni in tutta la carriera”.

FUTURO – “Sto molto bene a Napoli, mi piace molto e ho due anni di contratto perciò vediamo come va a finire”.

FIGLI – “Ogni tanti i miei nipoti mi vengono a trovare e vogliono giocare con me fino alle sette del mattino. A essere sincero, quando questo accade poi vado stanco ad allenarmi: sento la fatica. Questo è il motivo per cui credo che non avere figli sia un modo anche per evitare infortuni. Detto ciò, rispetto davvero tutti gli atleti che non hanno bambini”.

FUMO E ALCOOL – “A Napoli c’è una linea ben definita: ad esempio nei giorni prima della partita ai nostri tavoli troviamo anche del vino. Sarri è il più grande fumatore al mondo, però detto questo io credo che un atleta al top non debba bere. Non bisogna bere troppo, bensì con moderazione: un bicchiere ogni tanto, specialmente dopo una partita, può essere un bene”.

RUSSIA 2018 – “Crediamo davvero alla possibilità di diventare campioni e faremo di tutto per farcela. Leggo che il Belgio debba vincere quasi per forza il Mondiale, ma dobbiamo guardare partita dopo partita. Abbiamo qualità e fame di vittoria”.

OBIETTIVI – “Scudetto o Mondiale? Tutti direbbero quest’ultimo. Io lo devo dire perché sto parlando adesso con una televisione belga, ma in realtà non saprei: ho lavorato davvero tanto per vincere lo Scudetto a Napoli, anche se alla fine non ci siamo riusciti. Proverò a dare tutto me stesso per vincere il Mondiale, speriamo di farcela”.

Napoli, Mertens aiuta malati, poveri e cani abbandonati

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy