Mourinho, dura replica a Conte: “Non sarò mai accusato di aver combinato una partita”

Mourinho, dura replica a Conte: “Non sarò mai accusato di aver combinato una partita”

Si infiamma lo scontro dialettico tra i manager di Manchester United e Chelsea

di Redazione ITASportPress

Divampa lo scontro tra Antonio Conte e José Mourinho. Manchester United e Chelsea sono in lotta per il secondo posto della Premier dietro l’imprendibile Manchester City e i due allenatori non riescono a tenere a freno la propria vis polemica.

Dopo l’accusa del portoghese al salentino (“In panchina sembra un clown”) e la replica dell’ex ct dell’Italia (“Lui ha la demenza senile”), il nuovo affondo dello Special One è in punta di fioretto.

Prima Mou sembra tendere la mano…:

“Non ce l’ho con Conte, credo che la stampa si debba scusare con me e con lui. La domanda che gli è stata fatta è sbagliata e la sua reazione è comprensibile, so cosa voglia dire vivere una partita in modo passionale. So di avere commesso degli errori nel passato, come festeggiare quel gol correndo e inginocchiandomi (proprio contro lo United con il Porto nella Champions 2004, ndr). Oggi mi controllo molto di più, ma questo non vuol dire che viva le partite con meno partecipazione”.

Poi…: “Sicuramente farò anche altri errori, ma posso dire che non verrò mai accusato di aver aggiustato delle partite”. Touché. I giornalisti in sala non potevano che raccogliere: “Conte è stato accusato di questo, si riferisce a lui?”. Risposta: “Ah sì? A me non succederà…”.

Mourinho, dura replica a Scholes

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy