Napoli, Ancelotti: “Contro il Psg saranno due sfide decisive. Qui sento la fiducia di tutti”

Napoli, Ancelotti: “Contro il Psg saranno due sfide decisive. Qui sento la fiducia di tutti”

Le parole del grande ex alla vigilia della cruciale sfida di Champions League contro il Psg

di Redazione ITASportPress

Terza giornata della fase a gironi di Champions League e terza sfida del cuore per Carlo Ancelotti, che dopo aver affrontato Stella Rossa e Liverpool, avversarie di storiche sfide sulla panchina del Milan, dovrà vedersela con il Paris Saint-Germain, dove l’attuale tecnico del Napoli ha allenato tra il gennaio 2012 e il giugno 2013, con un campionato nazionale in bacheca nella seconda stagione dopo aver perso il primo, in maniera bruciante, a favore del Montpellier, nella stagione in cui il tecnico emiliano era succeduto a Antoine Kombouaré.

L’accoglienza da parte di tifosi ed ex giocatori sarà festosa, ma quando inizierà la partita ci sarà da pensare solo a una partita cruciale per le sorti del girone, sognando magari buone notizie dalle partite tra Liverpool e Stella Rossa.

SFIDE DECISIVE – “Psg imbattibile? Non esistono rivali imbattibili, anche se hanno un potenziale enorme davanti e di certo non partiamo favoriti. Eravamo partiti come terzi nel girone, invece adesso siamo temuti e questa è già una soddisfazione. La partita col Liverpool ci ha dato sicurezze e fiducia anche per questa gara, molto difficile. Dobbiamo dimostrare quello che siamo: le qualità che abbiamo le vogliamo mettere in campo anche contro una candidata alla vittoria finale. Non sarà decisiva, o almeno lo sarà come la partita di ritorno, in queste due gare si deciderà molto. Servirà coraggio, ma siamo pronti”

‘SENTO LA FIDUCIA’ – Ancelotti ha poi parlato delle differenze tra l’esperienza al Bayern Monaco e quella in corso, ripensando al fatto che l’ultima gara di Champions sulla panchina dei tedeschi fu proprio a Parigi: “Al Napoli sento la fiducia di tutto l’ambiente. Lo scorso anno sono arrivato qui col Bayern e sentivo la fiducia di pochi giocatori, forse quattro o cinque… Di Napoli mi piace tutto, la città e il progetto che vedo”.

FORMAZIONE – Il tecnico emiliano non si sbilancia sull’undici che scenderà in campo: “Psg e Liverpool hanno caratteristiche diverse, cambieremo qualcosa, ma non è detto che cambieremo uomini”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy