Napoli, Ancelotti: “Non so quando, ma possiamo vincere qualcosa. Europa League? Sogno finale con Sarri…”

Napoli, Ancelotti: “Non so quando, ma possiamo vincere qualcosa. Europa League? Sogno finale con Sarri…”

Il tecnico emiliano presenta la trasferta di Cagliari dopo la delusione dell’eliminazione dalla Champions League

di Redazione ITASportPress

Il sogno Champions League è tramontato solo a causa della differenza reti, la delusione è cocente, ma la stagione non è neppure a metà e deve essere portata avanti al meglio.

Il Napoli si rituffa in campionato dopo il boccone amaro di Liverpool e lo fa affrontando in trasferta il Cagliari, domenica alle ore 18, per la 16/a giornata di campionato.

Gli obiettivi peraltro sono chiari: blindare la possibilità di partecipare anche alla prossima Champions, provare a tenere viva la rincorsa alla Juventus dei record e magari alzare un trofeo, tra Coppa Italia e Europa League.

Carlo Ancelotti ha presentato la sfida della “Sardegna Arena” in conferenza stampa alle ore 12.30, ecco le sue parole ai media presenti:

POSTUMI – “La reazione ad Anfield è stata positiva. Nonostante la sconfitta e la delusione niente è cambiato rispetto alle nostre ambizioni e i nostri progetti futuri. Il Napoli fino ad ora ha avuto ottimi risultati. La squadra ha dimostrato di essere competitiva con le migliori squadre Europee”.

FIDUCIA – “C’è molta fiducia in me? Anche io sono giudicato dai risultati come tutti gli allenatori e credo che il Napoli sin qui abbia fatto bene. Oggettivamente le difficoltà in Champions League erano tante e la squadra si è dimostrata competitiva. Questa è una grossa consapevolezza da parte nostra. Siamo ancora in Europa, probabilmente giochiamo una competizione meno importante della Champions ma che è stata vinta da Manchester United e Atletico Madrid, due squadre top, nelle ultime edizioni. Vogliamo essere protagonisti in tutte le competizioni e così sarà. A me questo girone di ferro ha fatto capire che saremo protagonisti fino ala fine”.

CORSA SCUDETTO – “Se sarà possibile accorciare sulla Juventus? Tutte le giornate danno l’opportunità ad entrambe, il nostro obiettivo è questo, di accorciare, ma ha perso finora pochi punti e qualora dovesse perderli noi dovremo essere pronti”.

EUROPA LEAGUE – “Noi favoriti? Non lo so, ma conta poco. Sicuramente siamo competitivi e possiamo puntare in fondo. Poi starà a noi determinare il nostro cammino. E’ una competizione molto importante, così come lo sono campionato e Coppa Italia. Anche quest’ultima è un obiettivo della società e della squadra”. “Se mi piacerebbe una finale col Chelsea? Prima di tutto, vorrei una finale. Se poi sarà contro il Chelsea, sarà bellissimo. Per me e per Sarri. Giocare contro il Chelsea per me sarebbe entusiasmante, me lo sarebbe anche per Sarri”.

SQUADRA – “Come sta la squadra e quale è la condizione dei giocatori? L’unico indisponibile è Mario Rui. Ha avuto un problema muscolare di poco conto e non sarà della partita. Gli altri sono tutti a disposizione. Meret si è allenato e domani può giocare, farò una scelta tecnica”. “Milik? Credo meriti un’opportunità, oltre ai gol fatti contro il Frosinone sta bene. Domani potrebbe partire titolare”. La forza del gruppo si è vista anche nella cena andata in scena la scorsa notte: “Se è stato un patto di sangue? E’ un gruppo molto unito, serio, professionale. A me la vita privata dei calciatori non interessa, mi interessa che siano seri sul campo e sino ad oggi lo sono sempre stati, e parecchio. Uno dei migliori allenamenti fatti in questa stagione è proprio quello fatto dopo la cena”. “Come sta Mertens? Sta bene, tranquillo e in ottima condizione”.

CAGLIARI – “Se mi aspetto una partita sporca dal Cagliari ancora senza sconfitte tra le mura amiche? No, loro giocano molto bene. Hanno una precisa identità e provano sempre a impostare e dire la loro. Sarà una partita tra due squadre che vogliono giocare a calcio, una bella partita”.

OBIETTIVI FUTURI– “Noi vogliamo essere competitivi in Italia e in Europa. Ma vogliamo esserlo per vincere e portare a casa qualcosa. Il futuro, a mio parere, è roseo. Questa è una squadra giovane, già fatta ma che sta lentamente inserendo dei calciatori forti e che con piccoli accorgimenti potrà migliorare ulteriormente. Non garantisco al cento per cento vittorie in questa stagione, ma a breve termine questa squadra vincerà qualcosa”.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy