Sampdoria, l’ex Delvecchio esalta Mazzarri: “Era un sensitivo. Grazie a lui distruggevo Pirlo e Stankovic”

Sampdoria, l’ex Delvecchio esalta Mazzarri: “Era un sensitivo. Grazie a lui distruggevo Pirlo e Stankovic”

“Con lui ero al top sotto l’aspetto della maturità e sapevo sempre cosa fare in campo”

Intervistato da Samp Tv, Gennaro Delvecchio, ex centrocampista della Sampdoria, ha parlato anche di Walter Mazzarri, manager del Watford, con il quale ha lavorato dal 2007 al 2009 in blucerchiato: “Di Mazzarri ho un ricordo particolare. All’inizio della sua avventura alla Sampdoria, il mister faceva dei colloqui singoli con i giocatori. Io ero uno degli ultimi a parlare con lui perché il club all’epoca era indeciso sul tenermi o meno. Lui mi disse: ‘se tu decidi di stare tranquillo e sereno puoi essere un punto di riferimento per questa squadra’. Con queste parole lui mi conquistò e gli risposi che sarei voluto rimanere a tutti i costi per giocare le mie carte. Mazzarri preparava le partite in maniera perfetta ed era anche un sensitivo: riusciva a scoprire quello che realmente un giocatore poteva dare in base ad alcuni stimoli. Con lui ero al top sotto l’aspetto della maturità e sapevo sempre cosa fare in campo, faceva un lavoro molto specifico. Contro le grandi squadre giocavo da mezza punta: quando sfidavamo il Milan, ad esempio, distruggevo il gioco di Pirlo. Idem con l’Inter di Stankovic”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy