San Marino non vince più, il digiuno è da record

San Marino non vince più, il digiuno è da record

La nazionale del Titano è Cenerentola anche in Nations League: eguagliato il primato negativo di Andorra

di Redazione ITASportPress

Neppure l’istituzione della Nations League è servita per risvegliare San Marino. La nuova competizione per Nazionali voluta dall’Uefa per ridurre il numero delle amichevoli ha suddiviso le rappresentative in fasce di competitività con un meccanismo di retrocessioni e promozioni.

La Nazionale del Titano, tra le più deboli del continente, è stata ovviamente inserita in Serie D e condivide il girone con Bielorussia, Lussemburgo e Moldavia.

Ebbene, le cose stanno andando male pure qui se è vero che dopo la goleada subita a Minsk contro la capolista, sono arrivate sconfitte anche contro le altre due rivali e che la classifica parla di un malinconico ultimo posto con zero punti e nessun gol realizzato.

Queste ulteriori gare di digiuno, unite alle amichevoli, hanno consegnato a San Marino un triste record mondiale, quello della striscia più lunga di partite senza riuscire a vincere: con 86 gare senza successi è stata eguagliato il primato stabilito da Andorra, a secco tra il 2004 e il 2016.

La Nazionale allenata da Franco Varrella, ex collaboratore di Arrigo Sacchi ai tempi dell’esperienza all’Italia, non centra un successo dal 28 aprile 2004, 1-0 in amichevole contro Liechtenstein con rete di Andy Selva, all’epoca giocatore della Spal nell’allora Serie C1. Lunedì ci sarà l’ultima chance per provare quantomeno a condividere il primato negativo con Andorra: in Nations League l’avversario sarà il Lussemburgo.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy