Zaccheroni: “Il Napoli gioca meglio, ma la Juventus resta favorita per lo scudetto”

Zaccheroni: “Il Napoli gioca meglio, ma la Juventus resta favorita per lo scudetto”

“I calciatori del Napoli si divertono, sembrano bambini che giocano in un parco”

Commenta per primo!

Intervistato dal quotidiano Il Mattino, Alberto Zaccheroni, ex allenatore di Milan, Inter e Juventus, ha parlato del campionato di Serie A e del Napoli di Maurizio Sarri; ecco alcuni passaggi significativi: “Il Napoli sta assicurando grande continuità di prestazioni e non è vero che corre più degli altri ma corre meglio. Come qualcuno ama ancora dire quando gioca il Napoli sudala palla,gli azzurri la muovono con grande velocità. Organizzazione perfetta? Grazie a Sarri e alla disponibilità dei calciatori. Noi allenatori abbiamo delle idee ma per poterle mettere in praticaci vuole chi ti segue. Ecco, tutti i giocatori vorrebbero risposte immediate, invece il calcio è fatto di tempie spazi: per gestirli al meglio occorre la ripetitività e per questo sono necessari fasi più lunghe per l’apprendimento. È evidente che nel Napoli chi ha la palla sa sempre in automatico cosa fare, lo sanno anche gli avversari ma non riescono a chiudere in tempo perché gli azzurri lo fanno con disinvoltura e velocità. E poi si divertono, sembrano bambini che giocano in un parco”.

SCUDETTO – “La Juventus è favorita per lo scudetto. Il Napoli gioca meglio ma la Juventus ha un organico più importante, più ampio e con maggiori soluzioni. Il Napoli sta cercando di ridurre il gap con il gioco ma per sfruttare al massimo la velocità i cambi di Sarri devono essere sempre gli stessi, la Juve invece sene cambia tre all’inizio contemporaneamente ne risente di meno,come pure accusa meno gli infortuni nella stessa fase”.

DERBY DI MILANO – “L’Inter è avanti anche se non ha ancora la velocità di esecuzione per sorprendere sempre l’avversario. Al Milan ci vuole pazienza: a Montella è stata data una squadra di spessore, però sono quasi tutti nuovi e vanno amalgamati. La difficoltà di Bonucci è sintomatica, per plasmare una squadra tutta nuova c’è bisogno di tempo”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy