Napoli, l’ex Damiani su Reina: “Scelta Milan da analizzare. Erede? Dico Perin”

Napoli, l’ex Damiani su Reina: “Scelta Milan da analizzare. Erede? Dico Perin”

“Non c’è da meravigliarsi. Si era capito, visto che non rinnovava, che c’era un’altra società che pensava a lui”

di Redazione ITASportPress

In casa Napoli non tiene banco solo la questione scudetto, ora più lontano dopo il sorpasso della Juventus nuova capolista, ma anche la vicenda di mercato legata a Pepe Reina.

IL CASO – Il portiere spagnolo non ha ottenuto il rinnovo da parte del club partenopeo dopo lunghe trattative con il presidente Aurelio De Laurentiis e, a meno di colpi di scena, a fine stagione saluterà la Campania, ma non l’Italia visto che sembra ad un passo dal Milan, pronto a piazzare il colpo a parametro zero (si parla di visite mediche già effettuate a Milano lunedì all’indomani del pareggio a reti inviolate del Meazza contro l’Inter).

IL PAREREOscar Damiani, ex attaccante degli azzurri che oggi ricopre il ruolo di procuratore sportivo, è intervenuto sulle frequenze di RMC Sport per dire la sua a riguardo: “Non c’è da meravigliarsi. Si era capito, visto che non rinnovava, che c’era un’altra società che pensava a lui. Poi c’è da analizzare la scelta del Milan di prendere Reina perché non credo si decida di dare tre milioni di euro netti a un portiere per fare il secondo. Sarebbe un anomalia prendere Reina per fare di lui il secondo portiere più pagato al mondo. Leno erede di Reina al Napoli? Leno è un portiere d’esperienza, bravo nelle uscite e coi piedi e di assoluto rendimento. Leno non credo sia inferiore a Reina. Lo spagnolo è uomo di spogliatoio, ma non credo sia più tra i migliori al mondo. Il Napoli può prendere un portiere forte come lo spagnolo e pagarlo anche meno. Lafont? In passato me ne sono occupato anche io, da due anni fa il portiere titolare al Tolosa e si sta palesando su buoni livelli. E’ un ’99 come Donnarumma, non ha la fisicità dell’estremo difensore rossonero, ma è un ottimo prospetto. Ovviamente la differenza la fa la pressione, che è diversa in Italia e nello specifico a Napoli. Ma potrebbe essere un portiere valido. Tuttavia, non prenderei né Leno, che sicuramente è un portiere di livello, e né Lafont: a me piacerebbe più un portiere italiano come Perin”.

Napoli, Reina fa la spesa al mercato del pesce e la folla canta “Un giorno all’improvviso”

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy