Pescara, Staffelli prova a consegnare Tapiro a Muntari, ma lui rifiuta. Zeman: “Dispiace abbia pagato solo il giocatore”

Pescara, Staffelli prova a consegnare Tapiro a Muntari, ma lui rifiuta. Zeman: “Dispiace abbia pagato solo il giocatore”

Muntari ancora visibilmente arrabbiato per la squalifica non ha accettato il premio e ha preferito non rilasciare dichiarazioni

A Striscia La Notizia è andato in onda la tentata consegna del Tapiro d’oro a Sulley Muntari, espulso dall’arbitro Minelli a Cagliari in seguito alla sua decisione di lasciare il campo nei minuti finali del match di domenica scorsa contro il Cagliari per protestare in seguito ai cori razzisti dei tifosi rossoblù nei suoi confronti.

L’inviato del tg satirico Valerio Staffelli si è recato al centro sportivo Poggio degli Ulivi di Città Sant’Angelo e ha dapprima incontrato l’allenatore Zdenek Zeman, che ha detto: “Mi dispiace che abbia pagato solo lui. Secondo me aveva ragione. Nel calcio ci son tante cose che non vanno e questa è una di quelle”. Poi ha intercettato Muntari, il quale, ancora visibilmente arrabbiato per la squalifica del Giudice Sportivo non ha accettato il premio e ha preferito non rilasciare dichiarazioni.

muntari-lascia-il-campo_1096108sportal_home

Muntari è stato squalificato dopo l’espulsione per doppia ammonizione (una per proteste, la seconda per aver lasciato il campo senza autorizzazione durante il diverbio). Il giudice, inoltre, ha deciso di non adottare provvedimenti sanzionatori nei confronti del Cagliari perché “considerato che i pur deprecabili cori di discriminazione razziale sono stati percepiti nell’impianto in virtù anche della protesta silenziosa in atto dei tifosi (come segnalato dagli stessi rappresentanti della Procura federale) ma, essendo stati intonati da un numero approssimativo di soli dieci sostenitori e dunque meno dell’1% del numero degli occupanti del settore (circa duemila), non integrano dunque il presupposto della dimensione minima che insieme a quello della percezione reale è alla base della punibilità dei comportamenti in questione, peraltro non percepiti dagli Ufficiali di gara (come refertato dall’Arbitro), a norma dell’art. 11, comma 3, CGS”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy