CALCIOSCOMMESSE, ‘mano pesante’ di Palazzi. Catania a forte rischio retrocessione

CALCIOSCOMMESSE, ‘mano pesante’ di Palazzi. Catania a forte rischio retrocessione

di Redazione ITASportPress

Si aggiungono nuovi particolari all’indagine condotta dal procuratore federale Stefano Palazzi.

La Procura ha svolto l’istruttoria in tempi velocissimi e ieri gli indagati hanno ricevuto le ultime notifiche di chiusura di indagine. Se chiederanno di essere sentiti per Pulvirenti e soci sono già state fissate tre date per le audizioni: sabato 25, lunedì 27, martedì 28.

Quindi è ipotizzabile che i deferimenti ci saranno entro la prossima settimana (entro il 31 luglio), anche se, secondo indiscrezioni, non ci si discosterà molto dall’atto di chiusura delle indagini.

A quel punto dovranno trascorrere dieci giorni prima che il Tribunale federale istruisca i processi. Processo di primo grado entro Ferragosto, con appello verso il 24-25 agosto

Secondo quanto riporta ‘La Gazzetta dello Sport’, le accuse sono molto pesanti: illecito sportivo con l’aggravante dell’associazione. Il Catania, dunque, rischia seriamente la retrocessione in Lega Pro con una pesante penalizzazione, ma non è esclusa nemmeno l’ipotesi di una retrocessione nei Dilettanti. A forte rischio anche Teramo e Savona. 

Ci sono però alcune ‘stranezze’ nell’istruttoria della Procura federale: ad esempio non vengono coinvolti tutti i giocatori indagati e di cui si parla nelle intercettazioni. In realtà è probabile che per queste squadre il processo non si faccia ora, ma durante il campionato se usciranno elementi più importanti contro i calciatori. Dunque sono possibili deferimenti e penalizzazioni nel corso del campionato. 

Altra ‘stranezza’, a quanto si apprende, riguarda la partita contro il Brescia: nel corso delle indagini della procura di Catania era emerso il tentativo di comprare anche la partita contro i lombardi e il tentato illecito vale quanto un illecito. Peccato che nell’atto di chiusura delle indagini quella partita non viene contestata.

Non sarà facile per il collegio difensivo del Catania riuscire a ribaltare la situazione e limitare i danni già in primo grado. 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy