Catania, è crisi nera! Paganese vince di misura e compie il sorpasso

Catania, è crisi nera! Paganese vince di misura e compie il sorpasso

I rossazzurri perdono per 2-1 a Pagani e scivolano al dodicesimo posto.

E sono tre. Il Catania perde (dopo Melfi e Lecce) e scivola ancora in classifica. La Paganese vince 2-1 grazie alle reti di Alcibiade e Firenze. A nulla serve ai rossazzurri il gol di Di Grazia (con la complicità della deviazione di Carillo). I campani superano in classifica i siciliani: 40 punti per gli azzurrostellati, 39 per i rossazzurri, sempre più in crisi. Un solo gol nelle ultime tre gare, 4 reti subite. La zona playoff rimane ancora vicina, ma serve un cambio di passo per non vedere vanificato anche l’obiettivo minimo stagionale. Il calendario, però, non aiuta. Domenica prossima al Massimino arriverà il Foggia, lanciatissimo dopo il rotondo successo contro il Lecce.

Pronti, via e la gara procede sul binario dell’equilibrio, ma a ritmi decisamente bassi. Il Catania, in campo con il 4-3-3, non riesce a imporre il proprio gioco, anzi: troppi errori in fase di possesso, difficoltà a servire le punte, disattenzioni difensive. La Paganese fa il massimo con il minino. Al 14′ primo intervento in tuffo di Pisseri sul tiro ravvicinato di Bollino. Al 20′ ci prova Pozzebon, ma il suo tiro termina largo. Poi non succede più nulla fino al 32′: occasione per il Catania con un tiro cross di Marchese che esce un soffio a lato con Pozzebon in ritardo per una frazione di secondo. La risposta della Paganese c’è e nel giro di pochi secondi arriva al tiro per ben due volte: Cicerelli e Reginaldo impegnano la difesa etnea. Poi è il Catania a sprecare due buone chance: nella prima è imperdonabile l’errore di Tavares lanciato in profondità verso la porta di Liverani. Il portoghese sbaglia l’ultimo controllo e l’azione sfuma. Al 34′ Biagianti pesca Pozzebon con uno splendido passaggio in verticale ma l’attaccante spara alto su Liverani in uscita. La Paganese attacca e al 36′ trova il gol del vantaggio: calcio d’angolo di Bollino, girata di testa di Alcibiade (in ritardo Marchese) e Pisseri battuto. Poco prima del riposo, sinistro dal limite di Marchese, para Liverani.

Nella ripresa, il Catania entra in campo con diverso piglio: aggressivo e concentrato. Al 49′ Liverani sventa su Tavares, poi tre minuti più tardi arriva il pareggio con Di Grazia che batte l’estremo difensore campano grazie alla deviazione di Carillo. I rossazzurri insistono e potrebbero anche passare in vantaggio. Pozzebon, però, è in versione lo sciagurato Egidio (Calloni) e sbaglia due facili occasioni in rapida successione. Poco dopo è Fornito che impegna Liverani. Al 70′, nel miglior momento dei rossazzurri, ancora Paganese in vantaggio: Cicerelli batte l’angolo, Marchese si fa beffare da Firenze che da pochi passi mette dentro. Il Catania è stanco e non riesce più a reagire. La Paganese controlla e alla fine ottiene il massimo con il minimo.

PAGANESE-CATANIA 2-1

MARCATORI: 37′ Alcibiade, 54′ autorete di Carillo, 72′ Firenze

PAGANESE (4-3-3): 30 Liverani; 13 Alcibiade, 16 De Santis, 4 Carillo, 3 Della Corte; 27 Tascone (dal 89′ Tagliavacche), 5 Pestrin, 10 Firenze (dal 83′ Picone); 9 Bollino (dal 66′ Herrera), 8 Reginaldo, 11 Cicerelli. A disp. 1 Marruocco, 22 Gomis, 6 Mansi, 7 Zerbo, 15 Longo, 18 Parlati, 19 Caruso, 25 Carrotta, 29 Gorzelewski. All. Grassadonia

CATANIA (4-3-3): 12 Pisseri; 28 Parisi, 6 Gil, 3 Bergamelli, 16 Marchese; 27 Biagianti, 5 Scoppa (dal 78′ Bucolo), 21 Fornito (dal 82′ Barisic); 23 Di Grazia, 9 Pozzebon, 35 Tavares (dal 57′ Russotto). A disp. 1 Martinez, 29 Longo, 33 Manneh, 15 Mbodj, 30 Piermarteri. All. Pulvirenti

ARBITRO: Zufferli della sezione di Udine

AMMONITI: Scoppa, Firenze.

RECUPERO: 0′, 3′

CRONACA DELL’EVENTO

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy