Catania, i conti non tornano. Acquisti flop e senza la B il bilancio…

Catania, i conti non tornano. Acquisti flop e senza la B il bilancio…

Il quarto posto in classifica lascia tante insidie per i play off

di Redazione ITASportPress

Il Catania attende di giocare le partite che valgono una stagione a cominciare dal prossimo 15 maggio quando scatteranno i play off per la compagine di Novellino che inizierà dal secondo turno.  Il quarto posto in classifica al termine della regular season è un pessimo risultato per una squadra partita con altre ambizioni e progetti. Doversi accodare a Juve Stabia, Trapani e Catanzaro non era certamente nelle previsioni di società e tifosi che sono sfiduciati e convinti che questa squadra non andrà troppo lontano nei play off.

Il tecnico Novellino ha portato esperienza ma anche tanta confusione tattica. Walter è stato chiamato a rapporto dalla dirigenza diverse volte perché tocca a lui guidare la squadra fino a fine stagione e portarla in cadetteria. In caso di flop, la responsabilità sarà anche degli uomini mercato, che a loro volta verranno chiamati in causa dalla proprietà.

Tutti i nuovi calciatori hanno deluso mostrando una fragilità caratteriale imbarazzante. Ci si aspettava di più da Marotta, Di Piazza, Ciancio, Baraye, Llama, Carriero, Di Piazza e Sarno, giusto per citarne alcuni arrivati tra luglio e gennaio. Tutti sotto la sufficienza e non è ben chiaro il perchè visto che si tratta di giocatori importanti per la terza serie. C’è chi mette dentro anche problemi di spogliatoio nel calderone dei motivi che hanno frenato questo Catania. Ci può stare. Non si capisce come mai chi fugge via da Catania l’anno dopo risorge come nel caso di Daniel Semenzato, uno dei protagonisti della storica promozione in B del Pordenone scappato via dal capoluogo etneo con l’etichetta di “porta sfortuna”.

Mercato deludente a parte, se la stagione rossazzurra si traducesse in una mancata promozione in Serie B, ne risulterebbe frenato il progetto di risalita del club. Perdere la B al quarto tentativo, avrebbe un impatto economico diretto e immediato.  Conti alla mano, per quanto sia impossibile determinare con esattezza i mancati introiti da una mancata promozione, sarebbe di circa 10 milioni il «tesoretto» minimo che andrebbe in fumo. 

ERA COMINCIATA COSI’ LA STAGIONE…

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Ariddu - 2 settimane fa

    Troppa palestra, il meraviglioso centro sportivo offre ottime apparecchiature, ma limita l’elasticità dei muscoli e li appesamtisce.
    Da quando c’è il Torre del Grifo i calciatori del Catania hanno avuto problemi a livello fisico ed agonistico.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy