VERSIONE MOBILE
 Venerdì 19 Settembre 2014
CATANIA NEWS
CATANIA NEWS

CATANIA, l'addio di Lo Monaco mette tutti a rischio. Chi parte e chi resta

27.04.2012 17:04 di Giancarlo Lionti  articolo letto 2749 volte

Dopo l’addio a fine stagione preannunciato dal dg del Catania, Pietro Lo Monaco e la nomina del club di via Magenta del suo successore che sarà Sergio Gasparin, si prevedono grandi novità e rivoluzioni tecniche. I tifosi in queste ore si interrogano chiedendosi come cambierà questo Catania; quali saranno le strategie di mercato.  


Stando alle indiscrezioni degli ultimi giorni, il presidente del Catania, Pulvirenti sembrerebbe intenzionato a nominare presto altre  nuove figure dirigenziali a cominciare da un direttore sportivo. Sembra in bilico Pippo Bonanno, uomo sponsorizzato da Lo Monaco in conferenza stampa ma che potrebbe essere destinato ad altri incarichi quali i rapporti squadra-società.

Per la figura di direttore dell’area tecnica pare che Nicola Salerno, attuale ds del Grosseto, possa venire a Catania.


MONTELLA- Ma al di là dei quadri dirigenziali, quello che interessa maggiormente ai tifosi è l'aspetto tecnico. A riguardo il futuro del mister Montella sembra incerto, anzi dopo le dichiarazioni di questa mattina ("per me ancora il referente è Lo Monaco, a cui devo molto e non solo professionalmente"), l'aeroplanino sembra allontanarsi da Catania e potrebbe seguire il dirigente di Torre Annunziata. Se il mister etneo non dovesse confermare il suo rapporto con la società di Pulvirenti, sarebbe pronto un clamoroso ritorno di Pasquale Marino sulla panchina etnea.

ARGENTINA- Per quanto riguarda le prospettive di mercato, pare sia probabile la ‘costruzione’ di un nuovo canale preferenziale con il Sudamerica, con Renato Favero, uomo di Gasparin che a breve potrebbe ricoprire il ruolo di uomo mercato per Argentina e Brasile. Di conseguenza addio ai servizi di Jorge Cyterszpiller, uomo di fiducia di Lo Monaco e artefice di importanti acquisti per il Catania.
 
La rosa della squadra, come le strategie di mercato, saranno comunque soggette a mutazioni più o meno intense, visto che  i nuovi dirigenti non sembrano decisi a seguire il sentiero tracciato da Lo Monaco virando in tutt’altra direzione: scandagliare al meglio il mercato europeo e di Serie B, e una progressiva ‘disargentinizzazione’della rosa potrebbero essere i risvolti futuri.


CHI RESTA CHI PARTE- Sicuramente andranno via Campagnolo(fine contratto), Suazo, che non ha dimostrato nulla di quello che la società si aspettava, Ricchiuti ed Ebagua, che non rientrano più nei piani tecnici.
Gli eventuali rientranti dai prestiti Alvarez, Andujar e Maxi Lopez, non troverebbero più spazio nel nuovo Catania, per loro si prevedono cessioni al migliore offerente .
Probabili poi i prestiti di Terracciano, Catellani e  Paglialunga, che devono ancora maturare. Il portiere Carrizo aveva una parola con Lo Monaco e a questo punto potrebbe tornare alla Lazio. Anche Marco Motta potrebbe tornare alla Juventus visto che è stato acquistato in prestito.
In bilico la posizione di Lanzafame e Capuano, che non sembrano essere troppo di gradimento alla società etnea. Anche il ‘Papu’ Gomez, sul quale pare esservi il grande interesse di diverse squadre, sembra vicino all'addio. Da valutare eventuali offerte per Spolli e Izco, che, considerando i 29 anni a testa, potrebbero trasferirsi per sfruttare la loro attuale valutazione di mercato, che dopo i 30 anni comincia a scendere vertiginosamente.
Considerato quanto appena detto, sembrano quindi destinati a restare alle pendici dell’Etna: Potenza, Legrottaglie, Bellusci, Marchese, Almiron, Lodi, Biagianti, Llama, Bergessio e Barrientos, ai quali potrebbero inoltre aggiungersi Sciacca e Martinho, rientranti dai relativi prestiti, con Keko e Moretti trasferiti nuovamente a titolo temporaneo.
Sebbene si tratti di sole ipotesi, la rosa del Catania potrebbe quindi essere stravolta e tutti i giocatori che prima erano considerati i portanti di un identità tattica costruita negli anni rischiano di dover abbandonare la causa rossoazzurra.
La speranza dei tifosi del Catania è che la nuova era, ‘Il dopo Lo Monaco’, riesca a non vanificare quanto la precedente gestione sia stata capace di costruire; il popolo rossazzurro vuole continuare a sognare, sperando che, alla fine dei conti, sia Lo Monaco a rimpiangere il suo addio dalla società di Via Magenta e non viceversa. Insomma quella che era definita la "maledizione" di Lo Monaco che negli anni ha colpito allenatori e giocatori che hanno abbandonato Catania, potrebbe alla fine affondare lo stesso dirigente. Il calcio è anche questo anche se al direttore auguriamo le migliore fortune.


Altre notizie - Catania News
Altre notizie
 

L'OCCHIO DEL GABBIANO - G. SPINESI: "CATANIA, FRA 4 GIORNATE CAPIRÒ ALCUNE COSE. SANNINO OK, LETO IRRISPETTOSO"

L'ex calciatore del Catania, Gionatha Spinesi, prosegue la sua collaborazione con Itasportpress.it curando la rubrica "L'occhio del Gabbiano". Perdere a Perugia ci può stare specie in un momento in cui la compagine umbra vola sulle ali dell’entus...

CATANIA-MODENA CONDIZIONATA DAL FORTISSIMO CALDO

Catania-Modena in programma al Massimino domani pomeriggio alle 15 sarà condizionata dal forte caldo. Le previsioni...

LAZIO, PRONTO INCONTRO PER IL RINNOVO DI LULIC

La riconferma nel ruolo di mezz'ala con il tecnico Stefano Pioli sta dimostrando il valore e l'importanza del...

CAGLIARI, IBARBO: "SEGUO I CONSIGLI DI ZEMAN"

L'attaccante colombiano del Cagliari Victor Ibarbo ha rilasciato alcune battute ai microfoni di Gazzetta.it....

ESCLUSIVA- MODENA, CALIENDO: "DOPO IL PALERMO VOGLIAMO BATTERE ANCHE IL CATANIA. NO AI PROCLAMI DI SANNINO"

Il Modena dopo aver conquistato la prima vittoria in campionato ha ritrovato entusiasmo e vuole continuare la striscia...
Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 19 Settembre 2014.
 
Milan 6
 
Juventus 6
 
Roma 6
 
Inter 4
 
Sampdoria 4
 
Atalanta 4
 
Hellas Verona 4
 
Lazio 3
 
Napoli 3
 
Udinese 3
 
Chievo Verona 3
 
Cesena 3
 
Cagliari 1
 
Palermo 1
 
Genoa 1
 
Fiorentina 1
 
Torino 1
 
Sassuolo 1
 
Parma 0
 
Empoli 0

   ITA Sport Press Norme sulla privacy