Catania, Sottil: “Bene contro Vibonese e Rende, ma dobbiamo migliorare”

Catania, Sottil: “Bene contro Vibonese e Rende, ma dobbiamo migliorare”

Le parole del tecnico degli etnei in conferenza stampa nell’anti-vigilia della partita contro la Casertana

di Redazione ITASportPress

Il Catania è tornato finalmente in campo due settimane fa dopo le note vicissitudini che hanno influenzato il cammino degli etnei, che fino ad un mese fa non sapevano se dovessero disputare il campionato di Serie B o C. La squadra è a punteggio pieno, grazie alle due vittorie ottenute contro le due squadre calabresi del Girone C, ovvero Rende e Vibonese. L’obiettivo acclarato del Catania è riconquistare sul campo la Serie B del prossimo anno. Ora lo scoglio sulla strada della squadra di mister Sottil è rappresentato dalla Casertana, una formazione di tutto rispetto che nelle scorse stagioni ha fatto valere le proprie qualità, riuscendo quasi a raggiungere il campionato cadetto, sfuggito solamente ai playoff. In conferenza stampa, il tecnico del Catania ha parlato in questo modo.

TURNOVER  – “Abbiamo il vantaggio di avere una rosa molto forte con più giocatori di un certo ruolo, il ché facilita il mio compito, alternando i vari interpreti a seconda delle condizioni. Ora inizierà il vero tour de force, quindi sarà necessario ruotare i giocatori in modo tale che possano sentirsi tutti importanti per rendere al meglio”.

CASERTANA – “Dobbiamo sempre rispettare tutti gli avversari sul nostro cammino, pur disponendo di giocatori di alto livello che sanno il fatto loro. La Casertana è un’ottima squadra, che possiede dei calciatori fuori categoria, come Castaldo o Floro Flores. Finora abbiamo sempre vinto sì grazie alla nostra tecnica, ma come spesso ripeto la mentalità è artefice di quanto fatto. Dovremo essere anche contro la Casertana, propositivi ed aggredire l’avversario, facendo valere le nostre forze”.

ERRORI – “Sia contro la Vibonese che contro il Rende abbiamo sbagliato qualcosina, soprattutto nel primo tempo, per poi venire fuori bene nella ripresa, giocando con più disinvoltura. Abbiamo vinto contro due squadre tutt’altro che mediocri e ciò ci inorgoglisce. Ma in questa settimana abbiamo studiato bene ciò che abbiamo sbagliato. Come collettivo dobbiamo migliorare per essere dei tuttofare efficaci sia nel palleggio che nella palla lunga”.

MAROTTA E CURIALE – “Ne ho parlato altre volte. Sono due elementi che insieme possono giocare anche insieme. Non voglio che la situazione diventi un caso. Insomma, sono giocatori molto importanti per noi e per la categoria: il primo lo abbiamo acquistato perché la sua duttilità, la sua tecnica ed il suo carisma possono tornarci utili. Invece Curiale è il capocannoniere dello scorso anno. Quindi siamo molto orgogliosi di possederli entrambi”.

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy