Catania, Sottil: “Bisceglie non è il Sassuolo e dobbiamo mettere altro vestito domenica”

Catania, Sottil: “Bisceglie non è il Sassuolo e dobbiamo mettere altro vestito domenica”

Il tecnico rossazzurro ha presentato il match di campionato con il Bisceglie

di Redazione ITASportPress

Il tecnico del Catania Andrea Sottil ha presentato in sala stampa la sfida di domenica prossima con il Bisceglie. “Dobbiamo mettere il bel vestito indossato in Coppa Italia nell’armadio. Il Bisceglie non è il Sassuolo e bisogna archiviare la partita di Coppa Italia che ci lascia tante belle cose e rimetterci l’abito della Serie C. Dovremo giocare adesso sei partite in questo mese nelle massime capacità. Quello che ci lascia la Coppa Italia è maggiore consapevolezza dei nostri mezzi visto che si è visto un Catania che ha messo in difficoltà un avversario di Serie A. Noi dobbiamo essere bravi a trovare il mix giusto quando giochiamo in campionato. Non dobbiamo avere l’ossessione del risultato e di fare gol. Certo al Mapei Stadium la squadra era più libera di testa anche contro avversari che non si sono arroccati dietro e ti fanno giocare. Siamo in grande crescita e la squadra sta bene. Sappiamo che dobbiamo vincere tutte le partite ma con spregiudicatezza e serenità senza ossessione. Il livello fisico della rosa è ottimo e sono tutti a disposizione. Devo tenere partecipi tutti e ci saranno delle rotazioni a Bisceglie.

DE ZERBI – “Roby è molto legato al Catania e fa il tifo per noi. Dobbiamo restare concentrati e pensare di conquistare la vetta del campionato. Meritavamo di passare il turno in Coppa Italia e questo lo ha detto il campo. Un match che ci ha lasciato la consapevolezza delle capacità della nostra squadra. Ho visto un undici che aggrediva alto giocando a calcio e questo lo abbiamo fatto anche in campionato. A Reggio Emilia ho avuto la conferma della bontà della nostra qualità”

TATTICA – “Stiamo andando avanti per la nostra strada e abbiamo alternato la difesa a tre e a quattro. Il campo ha detto che con la linea a quattro abbiamo preso identità e sicurezza nelle due fasi ma durante il match si può anche cambiare anche se le certezze tattiche sono chiare”.

ENERGIE – “Abbiamo speso energie fisiche e nervose a Reggio Emilia ma la squadra ha recuperato. Domani farò valutazioni e comunque faremo rotazioni ma con i cinque cambi non si sentirà questa perdita di energie dopo la partite di Coppa Italia”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy