Serie C, a Catania il Matera non si presenta. Sarà 3-0 per gli etnei

Serie C, a Catania il Matera non si presenta. Sarà 3-0 per gli etnei

Lo Monaco ha usato parole di fuoco nei confronti del sistema calcio

di Redazione ITASportPress

Si è scritta questa sera l’ennesima pagina nera del calcio italiano. Quando una squadra non si presenta in campo per problemi societari infatti è una sconfitta per tutti. E’ successo questa sera a Catania dove avrebbe dovuto disputarsi il match di Serie C fra gli etnei e il Matera, ma i calciatori lucani, in sciopero per non aver percepito gli stipendi, non si sono presentati allo stadio “Angelo Massimino” alle 20.30. Il Catania ha atteso negli spogliatoi i 45′ come da regolamento, poi l’arbitro ha decretato la fine ufficiale della partita fantasma. Il Catania vincerà 3-0 a tavolino, ma a perdere non è stato stasera solo il Matera ma tutto il sistema calcio.

Queste le dichiarazioni dell’ad. del Catania Pietro Lo Monaco a TuttoC.com:”Considerata la situazione pregressa, la mancata disputa del match era prevedibile sotto tanti aspetti. Però la situazione in C è figlia degli sfaceli combinati in estate e che hanno riguardato sia il campionato farsa in Serie B, checché ne dica Balata, sia la C che è stata falcidiata con ogni angheria. Non ultima la vicenda fideiussioni: inopinatamente il commissario Fabbricini ha concesso ai club senza polizza in regola altri 28 giorni per sistemare la propria posizione, il tutto a campionato in corso: non poteva e non doveva farlo. E quindi ci sta che, adesso, ci ritroviamo società come Pro Piacenza e Matera ancora in piedi. Questa situazione non può portare altro, alla fine del campionato, che alla scomparsa di qualche altro club. E purtroppo non si tratta di novità in Lega Pro. Una società con i problemi del Matera dimostra una latitanza notevole. È vero che sarebbe bastata una comunicazione e noi non ci saremmo messi in moto. Ma c’è da aspettarselo da chi evidentemente, in qualche modo, ha già deposto le armi ma che purtroppo dovrà finire il campionato”.

Queste le dichiarazioni sempre a TuttoC.com del presidente del Matera Lamberti:”Avevamo chiesto un rinvio alla Lega, ci è stato rifiutato. Non mi sembra il caso di umiliare ulteriormente i nostri ragazzi mandandoli a Catania a prendere 5-6 gol. In casa spendiamo oltre 5mila euro fra steward, ambulanze, affitto, biglietteria e vigili del fuoco. La trasferta a Catania mi costava 2800 euro. Mi sembra un po’ pretestuosa questa cosa. Anzi, mi converrebbe giocare sempre fuori casa. Purtroppo al momento andiamo avanti con i più giovani visto che non ci è ancora concesso fare mercato a causa della mancata presentazione di un documento da parte di chi aveva il Matera in precedenza. Oggi mi è arrivato un deferimento relativo a questa storia, relativa a una scadenza del 30 settembre. Ma io ho acquistato il club il 15 ottobre. E quindi ci dicano cosa dobbiamo fare: siamo fuori, siamo dentro, possiamo fare il mercato, non possiamo più farlo. Chiedete a Ghirelli cosa dobbiamo fare, la Lega ci dica come muoverci. La presentazione o meno della fideiussione non vincola il mercato ma vi direi di chiamare l’agenzia romana della Cattolica: chiedete a loro a che punto è la lavorazione della polizza”. Il Catania? ” C’è una risposta ufficiale della Lega di non rinviare la partita del Catania. Correttezza avrebbe voluto, da parte degli etnei, sapendo le nostre difficoltà, che avessero accettato la richiesta di rinvio. I tre punti direi che se li sono presi”.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy