Torna a sorridere il Catania: Lodi su rigore piega la Sicula Leonzio

Torna a sorridere il Catania: Lodi su rigore piega la Sicula Leonzio

I rossazzurri fanno un passo avanti per il terzo posto

di Redazione ITASportPress

Il Catania fa suo il derby con la Sicula e cerca di mettersi alle spalle gli scivoloni arrivati lontano dal Massimino. Un rigore di Lodi ha deciso la partita e per la compagine etnea sono tre punti d’oro per il terzo posto. Non una gara spettacolare dei padroni di casa che hanno palesato le solite difficoltà nel gioco. Primo tempo senza tanti squilli con i bianconeri che con un minimo di organizzazione hanno impedito a Marotta di sfondare. A dire il vero il numero 9 etneo ha avuto una colossale occasione ma si è fatto ipnotizzare da Polverino. Poi dopo il vantaggio, arrivato nel secondo tempo, il Catania ha saputo gestire bene la gara impedendo alla Sicula Leonzio di arrivare con pericolosità dalle parti di Pisseri. Il pubblico inizialmente in silenzio e che al termine della prima frazione di gara ha fischiato i propri beniamini, al termine del match ha tributato applausi alla compagine di Novellino. Sarà la Cavese il prossimo avversario del Catania che va a caccia del terzo posto.

CRONACA

Mister Novellino è tornato al 4-3-3, con delle novità: dentro Esposito, Llama e Sarno fuori Silvestri, Bucolo e Di Piazza. Marotta, con Manneh ha completato il tridente. Ha sorpreso anche Torrente, che ha optato per anch’egli per il 4-3-3. Tra i pali Polverino e non Pane, mentre in attacco chance a Gammone dall’inizio, che ha giocato con Miracoli e Dubickas. Tutti confermati nel pacchetto di difesa, mentre in mezzo al campo Megalitis tornato titolare.

Catania che ha iniziato con intensità il derby creando qualche difficoltà alla difesa lentinese. Dopo un rischio corso da Pisseri, la grande occasione al 21’ con Marotta che al termine di una triangolazione fantastica con Sarno ha concluso da ottima posizione facendosi però ipnotizzare da Polverino. Un buon momento degli etnei a metà primo tempo. Marchese su suggerimento di Lodi ha nuovamente impegnato l’estremo difensore della Sicula. Una costante rossazzurra la spinta sulla sinistra con Llama e Marchese a mettere in difficoltà l’ex De Rossi. Marotta ha fatto parecchio movimento in area aiutando spesso i compagni che hanno cercato la sponda.

Ma nel far gioco gli etnei hanno palesato le solite difficoltà nel primo tempo andando più a fiammate che con manovra ragionata.

Schermata 2019-04-20 alle 19.40.48

Merito anche degli avversari che si sono chiusi bene ripartendo in velocità. Non un grandissimo spettacolo in campo nel primo tempo condito dai fischi del pubblico di casa all’indirizzo dei propri beniamini che hanno sbagliato cross e punizioni: su tutti Sarno e Lodi. Gara comunque difficile per il Catania che ha chiuso il primo parziale di gioco ancora con la disapprovazione del poco pubblico presente al Massimino.

Nella ripresa la prima mossa l’ha fatta mister Torrente piazzando sulla destra Juanito Gomez. Catania che ha subito due incursioni proprio dall’ex Verona rischiando qualcosa. Ma subito dopo in maniera inaspettata è arrivato il vantaggio su rigore di Lodi, penalty concesso dall’arbitro per un fallo in area su Sarno. 

Schermata 2019-04-20 alle 20.23.26

Match che si è messo in discesa per il Catania. Nei restanti minuti infatti i padroni di casa hanno amministrato il vantaggio limitando al minimo le iniziative offensive avversarie. Novellino ha inserito Carriero e Bucolo a 20’ dal termine proprio per aggiungere forze fresche. Dopo qualche timido tentativo della Sicula Leonzio, il match si è chiuso con la vittoria del Catania per 1-0. Un successo che vale tanto in chiave terzo posto. 

TABELLINO:

CATANIA-SICULA LEONZIO 1-0

Catania (4-3-3): Pisseri; Calapai, Aya, Esposito, Marchese (82′ Valeau); Biagianti (71′ Bucolo), Lodi, Llama (71′ Carriero); Sarno, Marotta (82′ Curiale), Manneh (59′ Di Piazza). Allenatore:Walter Novellino.

Sicula Leonzio (4-3-3): Polverino; De Rossi, Laezza, Ferrini, Squillace; D’Angelo (88′ Cozza), Megelaitis (84′ Vitale), Marano (65′ D’Amico); Dubickas (65′ Russo), Miracoli, Gammone (46′ Gomez). Allenatore: Vincenzo Torrente.

Marcatori: 53′ rig. Lodi (C)

Ammoniti: Marotta (C), Squillace (S)

Note: recupero 0′ – 4′

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy