Crollo scala mobile, medico-tifoso Cska accusa: “Soccorsi inadeguati e arrivati in ritardo”

Crollo scala mobile, medico-tifoso Cska accusa: “Soccorsi inadeguati e arrivati in ritardo”

Pesante accusa di un medico tifoso del Cska

di Redazione ITASportPress

Il tifoso del CSKA, chirurgo ortopedico di Mosca, Dmitrij Pavlov, ieri era su quella sfortunata scala mobile della metropolitana di Roma ed è stato il primo ad aiutare i feriti. Pavlov ha rilasciato un’intervista a Tsargrad.tv in cui spiega come sono andate le cose. “Intanto smentisco che la scala mobile è crollata per colpa nostra. Non è vero che ballavamo e che cantavamo. Sono queste solo menzogne. Ad un certo punto, la scala mobile ha iniziato a prendere velocità. Abbiamo pensato che fosse una specie di scherzo dei lavoratori della metropolitana. Ma questo scherzo ha smesso di essere tale quando la velocità ha cominciato a crescere sempre più velocemente. In pochi secondi il dramma: tifosi russi feriti e incastrati tra le lamiere della scala. Abbiamo iniziato a tirare fuori con le mani ragazzi e ragazze dalla folla e, quindi, probabilmente, abbiamo salvato la vita ad alcuni di loro. Le ambulanze sono arrivate dopo 30/40 minuti e i feriti sono stati soccorsi lentamente. Medici e soccorritori italiani non avevano tattiche di soccorso e sono scesi in metropolitana senza una barella. Mentre loro discutevano, noi, da tifosi soli, abbiamo soccorso tutte le vittime, portandole al piano di sopra tra le braccia di chiunque. Mi sembrava che gli italiani non fossero semplicemente pronti per tali incidenti”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy