Juventus, l’ex Tacchinardi: “Il ko contro il Manchester United rinforzerà la squadra. Mi ha ricordato…”

Juventus, l’ex Tacchinardi: “Il ko contro il Manchester United rinforzerà la squadra. Mi ha ricordato…”

“Contro i Red Devils mancavano o hanno giocato a mezzo servizio giocatori del calibro di Douglas Costa, Bernardeschi, Emre Can, Mandzukic, Cancelo, Matuidi”

di Redazione ITASportPress

Alessio Tacchinardi, ex centrocampista della Juventus, ha parlato ai microfoni di Tuttosport in merito al momento dei bianconeri, soprattutto dopo la prima sconfitta stagionale subita in Champions League ad opera del Manchester United di Mourinho. L’attuale commentatore e opinionista televisivo ha ricordato una partita simile, da lui giocata proprio con la maglia della Vecchia Signora, che è stata fondamentale per il proseguimento della stagione e per il raggiungimento degli obiettivi.

RICORDO –  “La gara dei bianconeri contro il Manchester United mi ha trasmesso le stesse sensazioni di una nostra partita del passato contro l’Inter. Uscimmo dal campo sconfitti, ma ancora più convinti della nostra forza. Tanto che Lippi, al rientro negli spogliatoi, ci disse: “Oggi ho capito che vinceremo lo scudetto”. Alla fine lo abbiamo conquistato per davvero”.

CERTEZZE – “Sono ottimista anche per la Champions della Juventus: l’altra sera sono tornato a casa con la sensazione di una squadra ancora più forte di quello che immaginassi. Non dimenticate che contro il Manchester United tra infortunati e acciaccati mancavano o hanno giocato a mezzo servizio giocatori del calibro di Douglas Costa, Bernardeschi, Emre Can, Mandzukic, Cancelo, Matuidi. Non vedo il bicchiere mezzo pieno, ma praticamente pieno del tutto. Ho visto una squadra fortissima, con un Cristiano Ronaldo impressionante che innalza il livello di tutti i compagni. Quando CR7 si accende, è davvero straordinario. Dal vivo, rispetto alla televisione, fa ancora più effetto. E non mi riferisco soltanto al gol spettacolare”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy