Atalanta, Gasperini: “Decisivo un episodio. Mani di Bastos? Gravissimo non ravvisarlo”

Atalanta, Gasperini: “Decisivo un episodio. Mani di Bastos? Gravissimo non ravvisarlo”

Il tecnico della Dea dopo la sconfitta in finale di Coppa Italia

di Redazione ITASportPress

La partita sembrava destinata a prolungarsi ai tempi supplementari, ma alla fine la Lazio è riuscita a imporsi sull’Atalanta per 2-0 nella finale di Coppa Italia dell’Olimpico di Roma. Da una parte mister Inzaghi gioisce, dall’altra Gasperini deve rimandare l’appuntamento al primo titolo della sua carriera da allenatore (sarebbe stata la seconda Coppa Italia per la Dea nella storia). Ecco le sue parole rilasciate alla Rai, dopo aver ricevuto cori di ammirazione da parte delle migliaia di tifosi bergamaschi giunti nella capitale per la finalissima:

“Queste finali sono così, nel momento decisivo stavamo anche meglio di loro ma abbiamo perso per un episodio su calcio d’angolo. All’inizio andava bene così, volevamo gestire le energie e abbiamo fatto bene anche nella ripresa. Sicuramente abbiamo sofferto la qualità della Lazio, squadra forte, e speravamo dopo di far male a loro. Superiamo questa delusione, anche se usciamo bene da questa competizione, e adesso pensiamo al campionato e al quarto posto da conquistare. Facciamo passare questa nottata”.

Sul fallo di mani di Bastos, che era già ammonito, al momento del tiro di De Roon che è andato a colpire il palo: “Molto grave, molto grave, gravissimo. Non avevo visto questo episodio. Non ha giustificazione questa cosa, è un chiaro episodio da Var. Non è un episodio sano, la casistica è molto chiara. Forse non avremmo vinto lo stesso, però così non va bene: non ci fosse il Var allora posso anche giustificare Banti, perché come non l’ho visto io poteva non averlo visto voi. Sono venuti in 22mila da Bergamo, non c’è rispetto per tutti loro”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy