Coppa Italia, Radu squalificato 4 giornate! Dzeko invece 2

Coppa Italia, Radu squalificato 4 giornate! Dzeko invece 2

Il Giudice Sportivo ha deciso di utilizzare la mano pesante per il difensore della Lazio. Una giornata per tre giocatori, ammende per Atalanta e Milan

di Redazione ITASportPress

In seguito ai Quarti di finale di Coppa Italia, il Giudice Sportivo ha definito quali provvedimenti disciplinari adottare nei confronti di coloro che sono stati espulsi nelle varie sfide. Mano pesante utilizzata per il difensore della Lazio Stefan Radu: ben 4 giornate di squalifica perché “dopo la concessione del rigore alla squadra avversaria, ha contestato veementemente la decisione del Direttore di gara, gridando al medesimo una frase irriguardosa. Dopo la notifica del provvedimento, ha spinto l’arbitro leggermente, ponendogli il braccio sul petto”.

LE ALTRE – Invece, sono stati inflitti 2 turni all’attaccante della Roma Dzeko, che ha ricevuto il cartellino rosso nel match perso dalla sua squadra per 7-1 contro la Fiorentina. Il motivo? Il comunicato del Giudice dice questo: “ha protestato contro una decisione e si è avvicinato con atteggiamento minaccioso al direttore di gara, rivolgendogli espressioni gravemente ingiuriose”. Una giornata di squalifica per Freuler e Djimsiti dell’Atalanta e per Gagliardini dell’Inter. Per la società bergamasca, inoltre, 5.000 euro di ammenda per il lancio di fumogeni; 20.000 euro per il Milan, a causa dei cori insultanti di matrice territoriale contro i tifosi del Napoli, ospite a San Siro martedì sera.

MISTER – Una giornata di squalifica per l’allenatore della Juventus Massimiliano Allegri, espulso durante la partita di Bergamo contro l’Atalanta per “aver assunto un atteggiamento platealmente polemico nei confronti dell’operato dell’arbitro, esprimendo il proprio disappunto e imprecando mediante un’espressione ingiuriosa”. Solo un’ammenda per Simone Inzaghi, mister della Lazio, allontanato in Inter-Lazio di giovedì sera.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy