Tacconi punge Donnarumma: “Piange come un debole. E deve chiudere le gambe”

Tacconi punge Donnarumma: “Piange come un debole. E deve chiudere le gambe”

“In certe partite basta un errore per rovinare tutto, non conta quante belle parate hai fatto fino a quel momento”

di Redazione ITASportPress

Quattro, come i gol rifilati al Milan e come le Coppe Italia vinte di fila. La Juventus ieri sera ha fatto sua la Tim Cup grazie ad un secondo tempo devastante in cui ha trovato anche il contributo di Gianluigi Donnarumma.

PAPERE – Infatti, sia il 2-0 dell’esterno offensivo brasiliano Douglas Costa che il 3-0 del difensore marocchino Mehdi Benatia sono arrivati grazie alla complicità del 19enne portiere che ha sbagliato in maniera netta la presa su due conclusioni non irresistibili.

ATTACCO – Gli errori del 99 rossonero non sono passati inosservati a Stefano Tacconi, ex estremo difensore bianconero, che a riguardo ha detto la sua, senza peli sulla lingua, all’ANSA: “La stoffa c’è, ma va aiutato. Deve lavorare tanto su certi fondamentali, cominciando da quelle gambe, che tiene sempre larghe. E poi, mai uscire dal campo piangendo, è una manifestazione di debolezza, si esce a testa alta. In certe partite basta un errore per rovinare tutto, non conta quante belle parate hai fatto fino a quel momento. La concentrazione deve essere sempre al massimo. Zenga nel 1990 giocò un Mondiale perfetto, ma ci si ricorda solo dell’uscita sbagliata nella semifinale con l’Argentina”.

Juventus-Milan, Gattuso: “Montella? Dopo quattro pappine…”

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. bigMac64 - 2 mesi fa

    se sommiamo i componenti della sua famiglia e i due cuginetti che lo rappresentano non fanno la prima media in totale, cosa vuoi pretendere come livello di comportamenti? qualunque cosa dicano o facciano sanno solo sbagliare modi, azioni e tempi. a mio parere nel calcio come in altri ambiti della vita c’è bisogno di persone di spessore e veri uomini che sappiano prendere le proprie responsabilità, essere umili e rispettosi del prossimo.
    tutte qualità che non contraddistinguono i sopracitati. ergo……fora di bal!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy