VERSIONE MOBILE
 Giovedì 2 Ottobre 2014
ESCLUS.ITASPORTPRESS
ESCLUS.ITASPORTPRESS

ESCLUSIVA- Il castiga Juve Plasmati: "A Torino il Catania pareggia ma io la punì così la Juve. Non era Pulvirenti mio bersaglio"

08.03.2013 09:18 di Roberto Mattina Twitter: @RobertoMattina  articolo letto 1357 volte

Più amarezze che soddisfazioni si è portato da Catania l'attaccante Gianvito Plasmati, attualmente alla Virtus Lanciano. MMolti ricordano l'assist per Izco che mise ko la Juventus a Torino di Ferrara. Il centravanti è intervenuto in esclusiva ai microfoni di itasportpress.it per parlare della prossima delicatissima sfida tra binaconeri di Conte e il Catania

Nel 2008 sei entrato a partita in corsa a Torino e non andò male...

"Fu una gara particolare, avevamo sofferto tanto ma fortunatamente riuscimmo a mettere le cose apposto con il mio goal. Molto emozionante perché loro presero la traversa, Bizzarri fece una parta fantastica su Del Piero più altri interventi decisivi ed io invece segnai il goal del pareggio (su cross di Tedesco e liscio clamoroso di Chiellini, ndr) il primo punto a Torino"

L'anno dopo ancora protagonista con l'assist per Izco, che valse la vittoria a Torino e mezza salvezza per gli etnei di Mihajlovic. Fu provato in allenamento quello schema?
"No non c'era nulla di preparato fu una cosa estemporanea, mi ricordo che arrivò al novantesimo, un'azione di contropiede sviluppata grazie ad una palla filtrante e Mariano fu bravissimo ad andarsene in velocità e bucare la porta bianconera"

Come si batte quella fortissima di quest'anno?
"La Juve di quest'anno è più difficile da battere, ha qualità individuali notevoli soprattutto in mezzo al campo dove ha giocatori che fanno la differenza. Non so come si possa battere, nel calcio non ho mai visto partite vinte prima di essere giocate"

Mancherà Bergessio, giocatore importantissimo per il Catania
"Bergessio se non dovesse giocare sarà un'assenza pesante, è un giocatore fondamentale per lo sviluppo del gioco e sta facendo una stagione straordinaria. Perdere Bergessio per il Catania è una grossa defezione, ma sarà importante non disunirsi e tenere botta. La Juve è sempre la prima della classe e fra le prime otto in Europa

çani all'altezza?
"Non conosco bene il calciatore e non posso dare un parere congruo, dovrei conoscerlo meglio. Non ha giocato tantissimo ancora con il Catania, so che è un giocatore bravo ma non avendo la continuità farsi trovare pronto non è facile se ci riuscirà sarà stato ancor più bravo"


Ti senti ancora con qualcuno del Catania?
"Dopo i noti fatti legati al mio contratto ho scelto il silenzio, non ho più sentito praticamente nessuno a parte qualche rarissima volta Marchese per non mettere in imbarazzo o in difficoltà altri chiamandoli in causa" 

Se potessi tornare indietro cosa non faresti in quella vicenda contratto col Catania?
"Io a Catania sono stato benissimo, i problemi non li ho avuti con il Presidente Pulvirenti per intenderci anche se poi dovendo far causa alla Società c'è andato di mezzo lui che è comunque un uomo che io rispetto e con il quale cause esterne hanno fatto si che si incrinasse il rapporto"

Chi ti ha lasciato di più sotto l'aspetto tecnico e caratteriale dei precedenti allenatori e a quale Catania del passato assomiglia quello di Maran?
"Questo Catania assomiglia molto a quello dell'anno scorso, al di la di questo credo che il lavoro che sta facendo mister Maran è strepitoso. Non saprei dire cosa ha ereditato dal passato, ma credo che il Catania di oggi tatticamente sia in grado di interpretare ben due moduli con gli stessi risultati, passando dal centrocampo a 3 caposaldo di sempre a quello a 2. Al mister quindi va  il merito di tutto anche se distribuirei i meriti in maniera equa con calciatori e società, quest'ultima brava a programmare il lavoro negli anni"


Pronostico?
"1x (ride...) dai dico una x piena, il pareggino il Catania lo strappa a Torino"

Si autorizza l’uso dei contenuti ai fini di cronaca a condizione di citare Itasportpress.it come fonte, legge n. 633/1941 sul diritto d’autore.


Altre notizie - Esclus.itasportpress
Altre notizie
 

L'OCCHIO DEL GABBIANO - G. SPINESI: "CATANIA, COL PESCARA ECCO COSA HA FUNZIONATO E COSA NO. TRASFERTA FROSINONE PIÙ DIFFICILE DI PERUGIA"

L'ex calciatore del Catania, Gionatha Spinesi, prosegue la sua collaborazione con Itasportpress.it curando la rubrica "L'occhio del Gabbiano" La cosa più importante da fare col Pescara era conquistare i tre punti. Il Catania ci è riuscito seppur...

CATANIA, CALAIÒ: "LA SERIE A CI ASPETTA. PALERMO? SPERO CHE SI SALVI..."

In un'intervista alla Gazzetta dello Sport, l'attaccante del Catania, Emanuele Calaiò, analizza il momento dei...

UFFICIALE, KATSOURANIS RAGGIUNGE TREZEGUET E COLOMBA IN INDIA

Altro colpo ad effetto del Pune City, club indiano che ha stretti rapporti con la Fiorentina. Dopo Trezeguet, arriva in India...

BARRETO, PALERMO NON MERITA CLASSIFICA

(ANSA) - ROMA, 1 OTT - "Dobbiamo lavorare sugli errori che abbiamo commesso finora. Quello di domenica a Empoli per noi...

ESCLUSIVA- JUVE, L'EX ZOFF: "TEVEZ DECISIVO A MADRID"

L'ex portiere della Juventus, Dino Zoff analizza la sfida di questa sera della band di Allegri contro l'Atletico...

ESCLUSIVA- A. BREHME: "ROMA-BAYERN? TEDESCHI HANNO PIÙ ESPERIENZA IN COPPA. INTER, SERVE CONTINUITÀ"

L'ex terzino di Bayern Monaco e Inter Andreas Brehme ha parlato ai microfoni di Itasportpress.it sul prossimo duello di...
Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 2 Ottobre 2014.
 
Juventus 15
 
Roma 15
 
Udinese 12
 
Sampdoria 11
 
Inter 8
 
Milan 8
 
Hellas Verona 8
 
Napoli 7
 
Lazio 6
 
Fiorentina 6
 
Genoa 5
 
Torino 5
 
Cesena 5
 
Cagliari 4
 
Chievo Verona 4
 
Atalanta 4
 
Empoli 3
 
Parma 3
 
Palermo 3
 
Sassuolo 3

   ITA Sport Press Norme sulla privacy