Juventus, l’ex Iaquinta a ISP: “Ripetere gara con l’Inter? Cosa ridicola! Napoli merita Scudetto, ma…”

Juventus, l’ex Iaquinta a ISP: “Ripetere gara con l’Inter? Cosa ridicola! Napoli merita Scudetto, ma…”

“Il cartellino rosso a Vecino è giusto perché è andato dritto su Mandzukic, ma anche Pjanic andava espulso”

di Redazione ITASportPress

Dal campo, con lo Scudetto sempre più vicino alla luce dei quattro punti di vantaggio sul Napoli quando mancano tre giornata alla fine del campionato di Serie A, alle polemiche, visto che quanto accaduto sabato sera contro l’Inter, con la mancata espulsione di Miralem Pjanic a tenere banco, continua a fare rumore.

Vincenzo Iaquinta ha trattato questi argomenti d’attualità in esclusiva a ITASportPress.it; ecco quanto dichiarato dall’ex attaccante della Juventus che nel 2006 in Germania si è laureato campione del mondo con la Nazionale italiana.

SCUDETTO – “Lo Scudetto è da giocare fino alla fine, ma i quattro punti di vantaggio sul Napoli rappresentano un bel bottino. E’ un margine abbastanza rassicurante, anche se la Juventus deve giocare soprattutto all’Olimpico contro la Roma e per questo motivo mi sento di dire che è ancora tutto aperto. Bilancio finale? Il Napoli è la squadra che ha giocato meglio e, quindi, se dovesse vincere lo Scudetto sarebbe meritato, ma la Juventus ha dimostrato di essere più forte a livello di individualità”.

INTER –  “Il cartellino rosso a Vecino è giusto perché è andato dritto su Mandzukic, ma anche Pjanic andava espulso. Poi c’è stato questa sostituzione decisa da Spalletti che ha tolto Icardi… magari poteva anche farlo rimanere in campo, ma col senno di poi è facile parlare. L’allenatore nerazzurro è stato anche sfortunato, anche se sappiamo che la Juventus lotta fino alla fine, è una squadra che non muore mai. Ripetere Inter-Juventus? Ma dai, non esiste: siamo nel campo del ridicolo, così si finisce per esagerare. Se il Napoli avesse vinto le sue partite nemmeno se ne parlerebbe”.

Inter, Antonello: “Juventus? Due pesi e due misure, certe cose non cambiano…”

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy