Lega Pro, Gravina a ISP: “Tar boccia Tar? Senza parole. Le cinque ripescabili non giocheranno domenica ma…”

Lega Pro, Gravina a ISP: “Tar boccia Tar? Senza parole. Le cinque ripescabili non giocheranno domenica ma…”

Il massimo rappresentante della Lega Pro ha parlato ai nostri microfoni

di Redazione ITASportPress

Calcio sempre più nel caos e ormai si assiste a un tutto contro tutti, con colpi di scena uno dietro l’altro. Dopo che il Tar del Lazio ha smentito se stesso sospendendo il decreto di sospensione che lo stesso tribunale, in identica sezione ma con un diverso presidente, aveva emesso sabato scorso, accogliendo il ricorso di Pro Vercelli e Ternana, il presidente della Lega Pro Gabriele Gravina è intervenuto ai microfoni di Itasportpress.it per dire la sua non nascondendo un certo imbarazzo nel dover commentare una decisione assurda che crea anche problemi organizzativi enormi alle compagini di Serie C. “Non ho parole per commentare quello che è successo oggi al Tar del Lazio. Bisogna cambiare il sistema calcio e si deve ripartire dalla Figc con la nomina del nuovo presidente. Il prossimo mese ci saranno le elezioni e io sono uno che vuole cambiare il calcio. Faccio parte di un bel gruppo di lavoro e insieme individueremo un candidato alla presidenza della Federcalcio. Potrei essere anche io ma ci proverò con il sostegno di diverse componenti”.

SERIE C – “Adesso bisogna riprogrammare il calendario per le squadre che attendono il ripescaggio dopo la decisione di oggi del Tar. Per ragioni organizzative le cinque squadre “ripescabili” non potranno giocare domenica prossima. Poi c’è un turno infrasettimanale delicato e devo dare il tempo alle società di organizzarsi. Se nel frattempo non interverranno altre modifiche, i club giocheranno il turno infrasettimanale diversamente se ci saranno altre problematiche si sospenderanno le loro partite”.

VITERBESE – “La Viterbese vuole giocare nel Girone B ma c’è un dato oggettivo visto che i gironi sono stati già fatti. Non cambia nulla a meno che qualche società di Lega Pro venga ripescata in Serie B. Camilli si agita? Non sto dietro alle sue parole anche se io accolgo tutte le richieste dei presidenti. Ci sono delle condizioni e delle norme e si devono rispettare”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy