Europa League, una brutta Inter perde in casa con l’Eintracht ed è eliminata

Europa League, una brutta Inter perde in casa con l’Eintracht ed è eliminata

Decide un gol di Jovic dopo 5 minuti

di Redazione ITASportPress

Dopo lo 0-0 dell’andata in Germania, nel ritorno degli ottavi di finale di Europa League l’Inter non doveva assolutamente prendere gol contro l’Eintracht per giocarsi più agevolmente la qualificazione. Il gol è arrivato e in più nei primi minuti, così i nerazzurri, già in un momento negativo, non sono stati più in grado di reagire, uscendo dalla competizione: l’Eintracht Francoforte vince 1-0 ed è ai quarti di finale. Oltre all’aspetto psicologico, l’Inter – in piena emergenza per le numerose assenze – ha sofferto la lampante differenza a livello fisico.

LA PARTITA – Senza molti titolari, l’Inter crolla in casa contro l’Eintracht. Il gol decisivo arriva al 5′ con Jovic, sintomo che non sarà una serata molto semplice per gli uomini di Spalletti. I tedeschi, supportati in massa da circa 14.000 tifosi, hanno avuto fra primo e secondo tempo numerose occasioni per aumentare il passivo, sciupando spesso in maniera piuttosto clamorosa. Al 55′ Handanovic di piede dice di no ad Haller, al 65′ respinge sul tentativo da fuori di un instancabile Kostic. La chance più importante per l’Inter capita al 71′ con una rasoiata di Skriniar che termina a fil di palo con leggera deviazione, poi – poco dopo – contropiede 4 contro 2 gettato al vento da Kostic per il raddoppio. Nel finale Spalletti lancia nella mischia anche Sebastiano Esposito, 16enne, e Davide Merola, 18enne, per l’assalto; Ranocchia si affianca a Keita per fare l’attaccante ma niente da fare, anzi c’è tempo per un altro miracolo di Handanovic su Jovic: nerazzurri fuori e San Siro non apprezza, per usare un eufemismo. E domenica c’è il derby in campionato…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy